Internet delle cose

Internet delle cose, in Italia 5 milioni di oggetti smart

Secondo il Politecnico di Milano +25% rispetto al 2011, per un valore di mercato di oltre 800 milioni di euro
Internet delle cose, in Italia 5 milioni di oggetti smart FASTWEB S.p.A.

 

In Italia il numero di '' oggetti'' interconnessi via cellulare ha raggiunto quota 5 milioni, crescendo del 25% rispetto al 2011, per un valore di mercato di oltre 800 milioni di euro. Sono i dati offerti da una ricerca dell'Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano. ''L'Internet delle cose è un paradigma tecnologico dal potenziale applicativo sconfinato che può avere impatti importanti sulle attività di imprese e pubbliche amministrazioni, oltre che modificare in meglio la vita delle persone'', dice Alessandro Perego, Responsabile Scientifico dell'Osservatorio.

Le applicazioni dell'Internet delle cose più diffuse in Italia sono nell'ambito Smart Car (la connessione tra veicoli o tra questi e l'infrastruttura circostante) che riguarda il 42% del totale degli oggetti connessi. Seguono, con 1,4 milioni, gli oggetti intelligenti che che misurano i consumi come quelli per il gas (smart monitoring); ma anche la gestione automatica di impianti e sistemi per il risparmio energetico negli edifici (come riscaldamento e telemonitoraggio degli impianti fotovoltaici) che prende il 9% delle applicazioni.

L'Osservatorio del Politecnico di Milano punta poi l'attenzione sul concetto di Smart City, la sfida del futuro.

Oltre ai contatori intelligenti per misurare i consumi, le applicazioni si estendono a illuminazione pubblica, verifica del riempimento dei cassonetti dei rifiuti, monitoraggio degli spazi verdi e del traffico, gestione dei parcheggi.

Oltre alla velocità di monitoraggio, ci sono vantaggi economici per Pubblica amministrazione. Secondo un'analisi riportata dalla ricerca, effettuata su una città di 70mila abitanti che si estende su 60 chilometri quadri, e che applica il concetto di interconnessione tra illuminazione e gestione dei rifiuti, i risparmi sono compresi tra il 25% e il 50% dei costi di investimento e tra il 50% e il 70% dei costi operativi rispetto al caso in cui ciascun servizio sia implementato indipendentemente dagli altri.

''La maggior parte delle attuali applicazioni sfrutta solo in parte le potenzialità dell' Internet delle cose ma c'è un interesse concreto verso processi e servizi che necessitano di oggetti connessi. Questo aspetto, unito alla presenza di soluzioni tecnologiche ormai mature, rappresenta una solida base per l'affermazione nel prossimo futuro'', conclude Angela Tumino, co-responsabile della ricerca.

6 marzo 2013

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'è da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail