Trasferimento dati sul web

Cos'Ŕ e come funziona Data Transfer Project

Ideato da Google, Facebook, Microsoft e Twitter, vuole migliorare la "portabilitÓ" e la gestione dei dati salvati sul web. Nel 2019 si Ŕ aggiunta anche Apple
Cos'Ŕ e come funziona Data Transfer Project FASTWEB S.p.A.

C'è chi li considera come il petrolio del XXI secolo. Un bene di primaria importanza per il quale potrebbero anche scoppiare dei conflitti tra varie nazioni. Non sappiamo se, effettivamente, le cose andranno così. Sappiamo, però, che la loro importanza sta crescendo in maniera esponenziale, tanto in ambito pubblicitario e statistico, quanto in quello politico e sociale. Non deve stupire, dunque, se colossi del calibro di Google, Microsoft, Facebook e Twitter hanno creato un'alleanza per la gestione e l'interoperabilità dei dati degli utenti iscritti alle loro piattaforme. Dalla seconda metà del 2019, anche Apple si è aggiunta all'alleanza, portando in dote i dati e le informazioni di miliardi di utenti che utilizzano iPhone e altri dispositivi della mela morsicata.

Nasce così Data Transfer Project (traducibile con "Progetto sulla trasferibilità dei dati"), un'iniziativa congiunta e open source che vede quattro delle maggiori aziende della Silicon Valley impegnate per creare degli strumenti che consentano di trattare e gestire, in maniera aperta e interconnessa, i dati che gli utenti hanno archiviato all'interno dei server dei "Big 4" della Silicon Valley.

 

Bit di dati

 

A che cosa serve il Data Transfer Project

L'obiettivo principale, così come esplicitato in un articolo pubblicato dalle quattro aziende statunitensi, è quello di creare un ecosistema di portabilità dei dati, che faciliti gli utenti iscritti alle varie piattaforme web a gestire le informazioni salvate sui vari server e trasportarle da una parte all'altra. O, eventualmente, cancellarle senza possibilità che vengano recuperate.

Come funziona il Data Transfer Protocol

Alla base del DTP troviamo dei cosiddetti adattatori, ossia delle API in grado di funzionare su più piattaforme e che permettano agli utenti di avere pieno accesso e disponibilità dei loro dati. Grazie agli adattatori, ad esempio, un iscritto di Instagram potrebbe fare il trasferimento di tutti i suoi dati su FlickR e chiudere il profilo social senza timore di perdere le foto e i video pubblicati sino a quel momento. Discorso analogo, ad esempio, se si volessero spostare i messaggi di posta elettronica da Gmail a Outlook (o viceversa) o trasferire i propri documenti da OneDrive a Google Drive. Il tutto senza che ci sia bisogno di scaricare prima tutti i dati da una piattaforma per poi caricarli su un'altra.

 

Scambio dati online

 

Risposta al GDPR

Secondo alcuni analisti, la mossa dei quattro giganti della Silicon Valley può essere anche letta in chiave General Data Protection Regulation (GDPR). L'annuncio dell'iniziativa, infatti, arriva dopo che il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali è entrato in vigore e, anche se non è ancora completo né formalmente disponibile, il DTP garantirà una maggiore libertà nella gestione e nel trattamento dei propri dati personali. L'obiettivo, dichiarano gli ingegneri e tecnici che si stanno occupando degli ultimi ritocchi dei tool del Data Transfer Project, è dare impulso alla creazione di un Internet più libero e aperto.

 

7 agosto 2019

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail