Fastweb

Corte Ue, motore di ricerca responsabile del trattamento dati

Google Pixel 4 Smartphone & Gadget #google #pixel Google svela il Pixel 4 con un tweet Il render mostra solo il retro del dispositivo ma si può già intuire qualche importante novità
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Corte Ue, motore di ricerca responsabile del trattamento dati FASTWEB S.p.A.
Corte Ue, il motore ricerca responsabile del trattamento dati
Internet
La Corte rileva che "qualora si constati, in seguito a una richiesta della persona interessata, che l'inclusione dei link nell'elenco è incompatibile con la direttiva, le informazioni e i link figuranti in tale elenco devono essere cancellati"

Il gestore di un motore di ricerca su Internet è responsabile del trattamento da esso effettuato dei dati personali che appaiono su pagine web pubblicate da terzi. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue nella causa intentata contro il giornale La Vanguardia e Google da parte di un cittadino spagnolo.

Quando il suo nome veniva digitato nel motore di ricerca Google Search, l'elenco di risultati mostrava link verso due pagine del quotidiano che annunciavano una vendita all'asta di immobili organizzata a seguito di un pignoramento effettuato per la riscossione coattiva di crediti previdenziali nei suoi confronti.

La Corte rileva che "qualora si constati, in seguito a una richiesta della persona interessata, che l'inclusione dei link nell'elenco è incompatibile con la direttiva, le informazioni e i link figuranti in tale elenco devono essere cancellati" a meno che sussistano ragioni particolari, come il ruolo ricoperto da tale persona nella vita pubblica, "giustificanti un interesse preminente del pubblico ad avere accesso, nell'ambito di una ricerca siffatta, a dette informazioni".

La Corte constata che "nella misura in cui l'attività di un motore di ricerca si aggiunge a quella degli editori di siti web e può incidere significativamente sui diritti fondamentali alla vita privata e alla protezione dei dati personali, il gestore del motore di ricerca deve garantire, nell'ambito delle sue responsabilità, delle sue competenze e delle sue possibilità, che detta attività soddisfi le prescrizioni della direttiva".

13 maggio 2014

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #internet #google

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.