Una custodia per cellulari completamente biodegradabile

Una custodia per cellulari completamente biodegradabile

La maggior parte della plastica impiega centinaia di anni per decomporsi. Il produttore di custodie per smartphone Pivet sfrutta invece i microbi per abbreviare questro tempo
Una custodia per cellulari completamente biodegradabile FASTWEB S.p.A.

Michael Pratt non vuole cambiare il modo in cui portiamo fuori la spazzatura. Piuttosto, vuole cambiare ciò che accade alla spazzatura quando finisce in una discarica o nel mezzo dell'oceano.

Pratt è il fondatore di Pivet, una nuova azienda che realizza custodie per smartphone. Si potrebbe pensare che sia un campo affollato, tuttavia, non solo Pivet è un'azienda di proprietà di neri in un settore che ha mostrato pochi progressi con la diversità, ma anche le sue custodie in plastica sono insolite. A differenza della maggior parte delle materie plastiche che impiegano centinaia di anni per decomporsi, le custodie di Pivet possono biodegradarsi in circa due anni, secondo quanto riferito dall'azienda.

La plastica nelle custodie di Pivet è incorporata con un materiale brevettato chiamato Toto-Toa. Questo materiale è composto da ingredienti naturali e non tossici, ma Pivet non ha specificato tali ingredienti poiché attualmente sta cercando la protezione della proprietà intellettuale. Questa miscela presumibilmente accelera il processo di biodegradazione naturale attirando i microrganismi quando la custodia entra in ambienti specifici, come le discariche o gli oceani. Quindi no, la custodia non inizierà a biodegradarsi già tra le nostre mani. I microbi colonizzano la superficie della custodia e quindi ne dissolvono la plastica nei suoi componenti grezzi.

"Non pensiamo che la plastica sia cattiva in generale", afferma Pratt. "Pensiamo che ciò che accade alla plastica alla fine del suo ciclo di vita sia il problema. Quando abbiamo finito, non abbiamo idea di come smaltirlo correttamente senza danneggiare il pianeta".

Nel mondo, la maggioranza della plastica non viene mai riciclata. Quindi, invece di realizzare semplicemente una custodia per telefono riciclabile o realizzata con materiali riciclati, Pratt e il suo team hanno sviluppato il materiale Toto-Toa per evitare di porre l'onere del riciclaggio sul consumatore. Gli acquirenti possono buttare via la custodia normalmente quando non è più necessaria senza preoccuparsi di danneggiare l'ambiente nella stessa misura.

“Abbiamo cercato il 90% del problema invece del 10%", dice Pratt. "Tutti hanno un telefono o due e tutti proteggono quel dispositivo estremamente costoso. Stiamo cercando di creare una soluzione che consenta ai consumatori di continuare a farlo, ma in maniera più ecologica”.

Wilhelm Marschall, chief technology officer di Pivet che ha ricercato il materiale Toto-Toa negli ultimi quattro anni, dice che è stato convalidato da Intertek, una società internazionale di certificazione e test di prodotto, ed è stato altresì testato per la D5511 ASTM e ISO 15985. Questi test di laboratorio hanno riprodotto le condizioni delle discariche e hanno portato alla scoperta che dopo sei mesi, poco più del 25% del poliuretano termoplastico e del policarbonato incorporati nel Toto-Toa, rispettivamente, si biodegradavano.

"I dati dei test mostrano una tendenza coerente nella biodegradazione e se prendiamo questa tendenza e la estrapoliamo, siamo in grado di prevedere che in un ambiente di discarica, il materiale dovrebbe biodegradarsi completamente in meno di due anni", afferma Marschall.

Meglio ancora, Marschall afferma che, a differenza di alcune plastiche compostabili come l'acido polilattico (PLA) o il polibutilene adipato tereftalato (PBAT), il materiale Toto-Toa non richiede un ambiente controllato per iniziare a biodegradarsi. E poiché Toto-Toa è legato alla plastica, afferma che il materiale non lascia dietro di sé microplastiche dopo il processo di biodegradazione. Le microplastiche sono ovunque, dall'oceano e dalle piogge agli esseri umani e persino ai bambini, anche se non è chiaro esattamente quanto siano dannosi gli inquinanti per la nostra salute.

Per evidenziare il materiale Toto-Toa e i suoi benefici ecologici, Pivet sta collaborando con The Ocean Agency, un'organizzazione senza scopo di lucro che promuove la conservazione degli oceani e il cui lavoro è evidenziato nel documentario di Netflix, Chasing Coral. A partire da oggi, con la Giornata Mondiale degli Oceani, una parte di ogni custodia Ocean Blue Pivet Aspect venduta andrà all'agenzia per sostenere la conservazione degli oceani.

Questo fa parte di una più ampia iniziativa di sensibilizzazione del Decennio delle Scienze Oceaniche per lo sviluppo sostenibile dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) iniziata quest'anno, di cui The Ocean Agency è partner. L'iniziativa, meglio conosciuta come Ocean Decade, mira a promuovere e rafforzare la ricerca, la conservazione, la collaborazione e la gestione degli oceani per incoraggiare l'uso sostenibile delle sue risorse e invertire il declino della salute dell'oceano.

"L'idea è di mettere sotto i riflettori l'oceano - è il più grande problema globale con il minimo supporto - a livello governativo in termini di obiettivi di sviluppo sostenibile", afferma Richard Vevers , fondatore e CEO di The Ocean Agency. "Si tratta davvero di aumentare la consapevolezza e il sostegno all'azione, soprattutto a livello di governo".

L'Ocean Agency non è il tipico ente di beneficenza. Collabora con le aziende per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla conservazione degli oceani, come il suo progetto Street View 2014 con Google, che ha portato telecamere subacquee specializzate a 360 gradi per catturare le barriere coralline con dettagli sorprendenti che chiunque può vedere. Grazie alla collaborazione con i marchi, Vevers afferma che l'agenzia è in grado di finanziare i suoi vari programmi, come l'aumento dell'alfabetizzazione oceanica, la campagna per la protezione degli oceani e lo sviluppo di nuove tecnologie di telecamere per la sorveglianza degli ambienti acquatici.

"Le aziende hanno il potere, perché hanno un pubblico", dice. “È quando si collabora con i brand, che i governi se ne accorgono. Ecco perché è così importante che le organizzazioni per la conservazione lavorino con le imprese. Il business è dove avviene l'innovazione; il business è dove si verifica l'influenza. Se avremo un supporto mainstream, avremo bisogno di lavorare con le imprese".

La custodia per iPhone 12 Aspect di Pivet utilizza il materiale Toto-Toa e il suo nuovo colore Ocean Blue si ispira ai coralli che si illuminano di blu, giallo o viola per sopravvivere alle ondate di calore subacquee dovute ai cambiamenti climatici. Entro la fine dell'anno e negli anni successivi, Pivet prevede di rilasciare più custodie e prodotti Ocean Blue continuando a donare una parte dei proventi alla The Ocean Agency.

Le plastiche biodegradabili e i microbi che consumano la plastica sono un'area di ricerca "calda" e Pivet è tutt'altro che l'unica azienda che lavora su soluzioni. Più di recente, una startup chiamata Polymateria ha creato una pellicola trasparente in plastica, destinata a usi come l'imballaggio, che può rompersi entro un anno e anche essere riciclata. Nel 2020, i ricercatori hanno scoperto superenzimi in grado di degradare le bottiglie di plastica sei volte più rapidamente rispetto a quelli comunemente presenti in natura.

I risultati del laboratorio Intertek potrebbero aver mostrato con successo il degrado in ambienti simili a discariche, ma Marschall afferma che la società è ancora in procinto di trovare società di test che eseguano test con acqua salata. Teorizza che il materiale continuerà a biodegradarsi, anche se il processo richiederà più tempo, specialmente se il caso si sposta molto nell'oceano.

"Si può essere sia ecologici e preoccupati per l'ambiente che business men", afferma Pratt. “Basta solo volerlo ed essere focalizzati su un obiettivo. Abbiamo fondato Pivet con l'intenzione di fare cose come questa, ed essere in grado di creare soluzioni che cambino davvero il mondo che ci circonda".

Fonte: wired.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail