Si chiama Mercato Elettronico della PA (MePA) ed è uno strumento di e-procurement pubblico gestito da Consip (la centrale acquisti dell'amministrazione pubblica italiana) per conto del Ministero Economia e Finanze (MEF).

All'interno di questa vetrina online, PA e aziende private si incontrano per acquistare e vendere tramite procedure telematiche beni e servizi. Registrarsi al MePA permette anche alle PMI di diventare fornitori delle PA e partecipare ai bandi, negoziando online con le amministrazioni locali o centrali utilizzando la firma elettronica. Il sito sul quale accreditarsi è www.acquistinretepa.it. Dopo aver completato la registrazione, sarà possibile creare sul sito stesso un catalogo elettronico dei beni e servizi offerti aggiornabile in tempo reale.
Gli enti potranno ordinare gli articoli presenti nel catalogo direttamente oppure inviare una Richiesta di Offerta (RdO), invitando l'azienda a partecipare a gare e bandi.

Le procedure per formalizzare l'iscrizione

Requisito fondamentale per procedere all'iscrizione è la registrazione dell'azienda fornitrice alla Camera di Commercio. La richiesta avviene indicando le credenziali d'accesso al sistema (username e password univoche) e richiede il deposito della firma digitale del legale rappresentante dell'organizzazione. Per formalizzare questa operazione è necessario essere in possesso di un dispositivo (un kit per l'acquisizione della firma grafometrica e la traduzione nell'equivalente digitale, con scadenza generalmente triennale) rilasciato dalla Camera di Commercio o da aziende che offrono questa tipologia di servizi, il cui costo oscilla tra i 40 e i 70 euro.

Una volta inseriti username e password, bisognerà obbligatoriamente inserire almeno una voce nel catalogo dell'offerta di prodotti/servizi (trovate l'elenco aggiornato delle tipologie ammesse alla vetrina elettronica del MePA qui), verificando che il bene rispetti i requisiti tecnici del capitolato allegato al bando. L'azienda dovrà, poi, inserire tutte le informazioni societarie come i dati identificativi (P. IVA, numero iscrizione al Registro delle Imprese), la sede legale? Il sistema, quindi, genererà in automatico un documento di abilitazione, che dovrà essere scaricato e siglato, apponendovi la firma digitale, quindi caricato nel sistema. A questo punto, la procedura di abilitazione potrà considerarsi conclusa ma per iniziare a operare con la PA occorrerà attendere la ricezione di un provvedimento di abilitazione.

A questo link è possibile scaricare il documento ufficiale di MEF e Consip con la guida passo a passo alla procedura di abilitazione MePA.
 

19 dicembre 2016