Tradizionalmente, l'Inventory Management è stata una delle attività più impegnative e time consuming, specie per i retailer, gli operatori della GDO e, più di recente, quelli dell'eCommerce. L'avvento del Cloud, però, oggi permette di migliorare sensibilmente la gestione degli stock e delle attività logistiche. Il Cloud Inventory Management permette di monitorare e aggiornare in tempo reale, nella nuvola, l'andamento delle scorte a magazzino, lavorando sull'ottimizzazione dei flussi di merce lungo tutta la Supply Chain.

 

I benefici del Cloud Inventory Management

Nella gestione degli inventari e del magazzino, la precisione paga e mantenere il giusto livello di stock è cruciale per garantire all'azienda la giusta liquidità senza penalizzare l'esperienza d'acquisto dei consumatori. La possibilità di gestire in Cloud il magazzino e le scorte offre indubbi vantaggi. Ecco i principali:

 

Aggiornamenti istantanei
La capacità di evitare l'Out of Stock è una delle metriche più importanti per la soddisfazione del consumatore. La gestione in Cloud delle scorte offre la garanzia che quella evidenziata dai sistemi di tracking è la situazione sempre aggiornata. Sarà possibile capire immediatamente se le scorte a magazzino sono sufficienti a coprire le esigenze della domanda ipotizzata (magari attraverso sistemi di forecasting evoluti). 

Riduzione degli errori
La capacità di automatizzare la gestione delle scorte elimina gli errori di digitazione, riducendo al minimo ritardi, disagi e contenziosi con il cliente. La nuvola permette a tutti gli operatori della Supply Chain – produttore, corriere o spedizioniere, società di gestione della logistica – di avere accesso immediato alle informazioni salienti, senza il rischio di inutili duplicazioni.

Automazione dei flussi della Supply Chain
Un approccio Cloud based è alla base dei sistemi di automazione dei flussi della logistica e della Supply Chain. L'esecuzione di un ordine – dall'invio dello stock di merce al punto di riordino fino all'invio al fornitore – potrà avvenire senza coinvolgere gli operatori umani. Così facendo, si liberano risorse dal team del magazzino, che potranno essere dirottate verso attività a maggior valore aggiunto.

Sicurezza
La gestione in Cloud del magazzino aumenta il livello di protezione dei dati e delle informazioni. Ogni informazione è gestita in sicurezza e accessibile in ogni momento da qualsiasi device e ogni cambiamento verrà salvato istantaneamente.

Informazioni storiche
La gestione in Cloud dell'inventario racconta la storia dell'impresa e della sua attività. Permetterà di capire a colpo d'occhio quel che vende e quel che non piace e ottenere indicazioni sulla direzione da intraprendere per far crescere l'attività.

Gestione di garanzie, reclami, richiami e resi
Nel magazzino in Cloud, la gestione delle matricole (il numero identificativo di ciascun prodotto) e dei lotti (gruppi di prodotti con caratteristiche uniformi) risulta facilitata. La nuvola, infatti, permette di condividere in tempo reale le informazioni sui prodotti. Così facendo, sarà possibile garantire la conformità alle normative sulla tracciabilità e gestire in modo più agevole garanzie, resi, richiami e reclami. 

Spazio ottimizzato
Il flusso operativo dei colli di merce potrà essere gestito in modo da ridurre al minimo lo spazio occupato che, nei magazini, costa parecchio. 

Informazioni diffuse
La tecnologia in Cloud permette a chiunque in azienda di accedere alle informazioni sullo stock, che non saranno più patrimonio esclusivo di poche persone ma potranno essere condivise in tutta l'organizzazione.
 

L'AI che migliora la Supply Chain

L'infrastruttura in Cloud è la spina dorsale dei magazzini più moderni e innovativi. Oggi, infatti, grazie alle tecnologie di Artificial Intelligence e IoT, è possibile gestire in modo integrato i movimenti della logistica interna plasmandoli sulle esigenze degli altri operatori della Supply Chain e, in ultima istanza, su quelle del consumatore finale. Questa integrazione di informazioni e flussi di merce è la chiave di volta dei nuovi approcci di gestione ottimizzata delle scorte. Grazie all'Intelligenza Artificiale, è possibile prevedere l'andamento della domanda in modo puntuale e garantire in ogni momento la disponibilità dei prodotti a scaffale senza che l'azienda si veda costretta ad accumulare più scorte del necessario (over stock). L'Intelligenza Artificiale rivoluziona la gestione dei magazzini in diversi modi.

  • Inventory Monitoring automatizzato
    Una delle principali funzionalità dell'AI applicata ai sistemi di Inventory Management è l'automazione del monitoraggio degli stock. Questa funzionalità elimina la necessità di verificare periodicamente l'ammontare delle scorte, che verranno aggiornate in tempo reale e potranno essere quindi mantenute sempre al livello ideale, quello che minimizza gli oneri finanziari a carico dell'azienda senza penalizzare il servizio al cliente. La possibilità di integrare meccanismi di allarme al ridursi della disponibilità a scaffale dei prodotti elimina il rischio di finire out of stock.

  • Data Mining
    Il Data Mining è uno dei principali vantaggi dell'Artificial Intelligence applicata alla gestione delle scorte di magazzino. In passato, l'azienda si limitava a raccogliere i dati sul comportamento d'acquisto del consumatore. Oggi, invece, è in grado di anticiparlo e indirizzarlo sulla base della rielaborazione delle informazioni più disparate, sia quelle raccolte internamente all'azienda – ammontare delle scorte di uno specifico lotto di prodotto, scadenza, prezzo d'acquisto delle materie prime – sia di quelle acquisite da terze parti esterni – previsioni meteo e informazioni socio-demografiche. L'applicazione di complessi algoritmi matematici di Machine Learning permette di stimare la possibile risposta del cliente a sollecitazioni promozionali in modo sempre più puntuale e preciso.

  • Robot Automation
    L'Artificial Intelligence è anche alla base dei sistemi evoluti di movimentazione merci che affollano i magazzini moderni: robot autonomi per prelevare i colli dagli scaffali e smistarli; navette senza operatore che spostano pacchi da un lato all'altro del magazzino attraverso percorsi ottimizzati, per ridurre al minimo i tempi di evasione degli ordini.

 

Ovviamente, in tutti e tre i casi, l'azienda dovrà premurarsi di sostenere al meglio le necessità di potenza di calcolo e storage delle applicazioni AI attraverso una solida infrastruttura Cloud.

 

27 novembre 2019