Nell’era digitale la vita dei consumatori si è spostata online e le abitudini di acquisto sono cambiate. La pandemia da Covid-19, tra restrizioni e lockdown, ha segnato il boom del settore e-commerce tra il 2020 e il 2021, con i potenziali clienti che diventano ancora più digitali e fanno i loro acquisti via smartphone e PC. Secondo i dati del report di Idealo sulla situazione dell’e-commerce nel 2021, basato su un campione di 1500 consumatori digitali italiani, il 92% degli intervistati legge le recensioni di altri utenti prima di acquistare un prodotto o un servizio online. Segno che il passaparola è diventato virtuale e gli e-commerce sono la perfetta vetrina digitale per vendere prodotti e servizi, anche per gli artigiani e i professionisti che vogliono aumentare il numero di clienti e farsi conoscere.

Le vendite online seguono un trend di crescita costante e destinato a durare: oltre il 61% dei consumatori acquista online almeno una volta al mese, mentre il 24% degli utenti lo fa almeno una volta a settimana. Il timore della concorrenza dei grandi marketplace non deve spaventare le realtà più piccole: il 68% dei consumatori è disposto ad acquistare presso un negozio online meno noto se può ottenere un buon risparmio. Un segno che avere un e-commerce è ormai essenziale per ogni attività commerciale.

dati e-commerce

E-commerce, la vetrina virtuale: come progettarlo


Un tempo esistevano le vetrine del negozio fisico, ora esistono i siti e-commerce. Le attuali vetrine virtuali hanno esattamente lo stesso fine del loro equivalente fisico: attirare l’attenzione dei potenziali clienti e convincerli a fare un acquisto di un prodotto o servizio, cioè ottenere una conversione. Per raggiungere i propri obiettivi, quando si progetta un e-commerce sarà necessario tenere conto di tutti gli aspetti che possono rendere il sito “attraente” agli occhi del proprio target di riferimento. 

Per chi decide di creare un sito e-commerce, oppure di integrare un e-commerce proprietario in un sito web aziendale già esistente, sarà fondamentale progettare e curare tutti i dettagli della propria vetrina virtuale. Oltre al design, che deve essere curato e accattivante e rispettare l’identità e la storia del brand, particolare attenzione va riservata al catalogo. Tutti i prodotti dovranno essere corredati di descrizione testuale accurata, foto e, se è possibile e utile allo scopo, anche video. Il catalogo prodotto dovrà garantire a tutti gli utenti una facile consultazione, con schede prodotto e sistemi di filtri per permettergli di selezionare i prodotti, o i servizi, di maggiore interesse. Questo passaggio è essenziale: più semplice è la consultazione del catalogo, più il potenziale cliente si sentirà invogliato a concludere l’acquisto. 

Per evitare gli abbandoni del carrello, anche questa pagina dovrà essere progettata con attenzione, offrendo all’utente la possibilità di acquistare i prodotti con metodi di pagamento affidabili e sicuri. Per raggiungere lo scopo, ci sono dei dettagli tecnici di cui tenere conto. Il sito e-commerce dovrà essere responsive, cioè garantire la massima user experience sia da desktop che da device mobili. Indispensabile anche l’ottimizzazione SEO dei contenuti, sia testuali che multimediali, per garantire il miglior posizionamento nei risultati di ricerca e farsi trovare dai propri clienti.

E-commerce: i vantaggi per tutti


I vantaggi di una piattaforma e-commerce sono molti, sia per i venditori che decidono di aprire uno store online che per i clienti. Dal punto di vista dei clienti, si potrà avere una maggiore scelta e la possibilità di acquistare in pochi clic sia prodotti che servizi, a qualsiasi ora del giorno o della notte, e da qualsiasi luogo, sia a casa che in ufficio.
Per i venditori, aprire un e-commerce rappresenta un investimento iniziale che sarà in breve tempo ripagato. Si potranno trovare facilmente nuovi clienti, in qualsiasi parte del mondo, con un negozio virtuale aperto 24 ore su 24 e con un abbassamento dei costi generali e fissi di uno store fisico. Inoltre, si potrà avere un maggiore controllo sul processo di vendita, ottenendo preziosi dati dalla piattaforma che possono essere utilizzati per ottimizzare le strategie di marketing e per profilare i propri clienti.

E-commerce: sito proprietario o marketplace terzi?


Una volta compresa le necessità per ogni attività, da quella di un libero professionista ad aziende medie e grandi, non resta che decidere come procedere per creare il proprio e-commerce online. Le strade da seguire sono diverse: c’è chi preferisce aggiungere una sezione e-commerce a un sito web aziendale già esistente, chi invece sceglie di aprire un sito e-commerce e poi associarvi un blog per il content marketing. Infine, c’è chi decide di utilizzare piattaforme di e-commerce già esistenti come canale di vendita, i cosiddetti marketplace, come eBay, il Marketplace di Facebook, Instagram, Blomming, Amazon ed Etzy.

Per la creazione del proprio store online, le attività possono affidarsi a un team di esperti interno all’azienda che progetti da zero l’e-commerce. Oppure, affidarsi ai servizi online che permettono di creare facilmente il proprio sito e-commerce direttamente in cloud, come ad esempio Storeden. I servizi online basati su cloud rappresentano una piattaforma conveniente e versatile: oltre a creare il proprio e-commerce da zero, spesso consentono di collegare alla piattaforma anche i principali marketplace esistenti, così da poter facilmente condividere il proprio catalogo di prodotti e aumentare la propria presenza online.

Un servizio basato su cloud, come Storeden, permette ai propri utenti di accedere alla piattaforma in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo, e di mettere in atto una strategia di vendita che sia multi-canale, semplificando l’aspetto sistemistico, la sicurezza informatica e la manutenzione della piattaforma. Nella scelta di un servizio di questo tipo, è importante la possibilità di sottoscrivere dei piani scalabili, con prezzi personalizzabili sull’esigenza dell’attività, così da minimizzare i costi di gestione per ottenere i migliori risultati. Infine, comprendono degli strumenti integrati per monitorare il traffico sul sito e raccogliere tutti i dati necessari per valutare e ottimizzare le proprie strategie di vendita e profilare i propri clienti. Quest’ultimo è un aspetto di cui tenere di conto, perché è fondamentale per raggiungere gli obiettivi fissati dal business e veder crescere i profitti del proprio e-commerce online.