Ci sono giochi che non sono giochi e oggetti che rappresentano la sintesi tra l’ingegnosità e il sussidio didattico. Uno di questi è il “mulino a vento per i nani”. 

La conversione dell’energia solare in energia elettrica si esemplifica nel movimento rotatorio di un’elica. La pala dell’elica è collegata ad un motorino azionato da un mini modulo solare. 
L’esperimento causa-effetto è immediato: il tocco dei raggi solari sulla superficie del pannello fotovoltaico attiva le pale dell’elica che generano a loro volta un piccolo getto d’aria.
Di seguito si descrive il giocattolo destinato ai bambini, da costruire sotto la supervisione di un adulto.

  • 1. Materiali necessari
    Mulino a vento

    Il mulino a vento per i nani

    Photo by Milena Sebastianelli


    • Quadrato di compensato (8 cm x 8 cm)
    • Supporto in plexiglass (taglio a vela trapezoidale, base maggiore 8 cm, base minore 4 cm e altezza 12 cm)
    • 2 viti con fermo e 2 viti semplici
    • 1 Elica a tre lame in plastica colorata (lame da 6,5 cm di lunghezza) con motorino solare RF 300 incorporato
    • Micro pannelli solari per celle fotovoltaiche fai-da-te (0,5V/400 mA oppure 2V/100mA solar panel)

    I materiali descritti sono facilmente reperibili sui principali siti di e-commerce.

  • 2. Fissaggio del plexiglass alla base di compensato
    Fissaggio

    Fissaggio delle viti

    Photo by Milena Sebastianelli

    Per prima cosa, si deve intagliare il supporto di plexiglas con la forma di un trapezio. È preferibile tagliarlo a vela trapezoidale, con la base maggiore di 8 cm, la base minore di 4 cm e di altezza 12 cm, con un’apertura lineare e verticale di 2 cm dalla base minore.

    Successivamente, si deve far aderire la base di compensato alla sagoma del plexiglas, fissandole con due viti sul lato inferiore del quadrato di compensato.

  • 3. Posizionamento dei componenti
    Componenti

    Posizionamento dei componenti

    Photo by Milena Sebastianelli

    Usando le due viti con il fermo, agganciare il mini-modulo fotovoltaico alla base di compensato, posizionandolo dietro al plexiglass e avendo cura di porre la superficie della cella con un’inclinazione a 45 gradi rispetto al supporto di compensato.

    Attraverso l’apertura verticale del plexiglass, si infila il motorino dell’elica solare nel retro e si fissa l’elica con una leggera pressione nella parte frontale della lastra di plexiglass sul perno del motorino.

  • 4. Sfilacciare i cavetti del motorino
    Cavetti

    Sfilacciare il cavetto

    Photo by Milena Sebastianelli

    È consigliabile sfilacciare il filo dei cavetti del motorino per una migliore conduzione dell’energia elettrica. La sfilacciatura consiste nell’esporre la parte in rame del cavetto, tagliando la copertura in plastica.

  • 5. Avvitare i cavetti del motorino
    Avvitamento

    Avvitare il cavetto

    Photo by Milena Sebastianelli

    A sfilacciamento ultimato, si deve avvitare la parte in rame nella seghettatura di ferro della vite.

    I cavetti (nero e rosso) provenienti dal motorino devono essere infilati nell’interstizio tra la vite e la striscia del supporto al pannellino fotovoltaico.

  • 6. Struttura finale ed esposizione ai raggi solari
    Struttura

    Struttura finale

    Photo by Milena Sebastianelli

    Il posizionamento del cavetto nero a sinistra e rosso a destra condiziona il senso di rotazione dell’elica e ne determina la direzione del getto d’aria.

    Il modulo deve essere esposto all’irradiazione diretta del sole per far girare l’elica. L’inclinazione ideale del raggio solare è di 45 gradi rispetto alla superficie della cella fotovoltaica. Si può potenziare la velocità dell’elica aggiungendo più moduli solari che ne determinano la maggiore sensibilità alla luce solare.

  • 7. Conclusione

    Lo scrittore Miguel de Cervantes ci racconta di un cavaliere, Don Chisciotte che combatté contro i mulini a vento, scambiandoli per giganti e nemici terribili.

    La sfida che i nostri bambini affronteranno è il cambiamento climatico, un nemico ben visibile nella sua azione distruttiva degli habitat e dei territori.

    Con l’ideazione di un piccolo mulino a vento, un oggetto fai da te, potremo rendere i nostri bambini curiosi verso la tecnologia e cercando soluzioni ecosostenibili, diventeranno coraggiosi nell’agire. Questo è il miglior regalo che possiamo fare per il loro futuro.

Scritto da:
Milena Sebastianelli
Business Analysis Professional
Amo creare cose nuove, scoprire realtà innovative e prodotti migliorativi per la qualità della vita. Credo nelle relazioni che arricchiscono e sono felice di raccontare ciò che allarga gli orizzonti.
https://linkedin.com/in/msebastianelli
Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb