Avere fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità ed essere dotati di self-empowerment ha un forte impatto sulla vita personale e lavorativa degli individui.

L’autoefficacia è una caratteristica che permette alle persone di avere la consapevolezza di essere capaci di gestire situazioni difficili e di disagio, portare a termine delle attività e raggiungere gli obiettivi che ci si è prefissati.

Avere l’autoefficacia sviluppata significa sapere esattamente quali mete possono essere raggiunte con le proprie capacità ed essere in grado di individuare facilmente gli strumenti e i mezzi di cui si ha bisogno e i passi che devono essere compiuti.

È una caratteristica personale che riesce ad avere una forte influenza su molti aspetti, dall’apprendimento al modo di rapportarsi con gli altri. Determina la capacità di esprimere la propria opinione, di soddisfare i propri bisogni senza mai imporsi e senza ignorare le necessità del proprio interlocutore.

Sviluppare il senso di autoefficacia e diventare più sicuri dei risultati prodotti dal proprio agire richiede tempo. In parte è frutto di un processo che si dispiega lungo tutta la crescita dell’individuo. In parte, invece, può essere implementato con l’impegno, con esercizi e affidandosi a strategie comportamentali e tecniche afferenti all’ambito della psicologia.

  • 1. Sviluppare l’autoefficacia attraverso le esperienze e il confronto con gli altri
    Sviluppare l’autoefficacia attraverso le esperienze e il confronto con gli altri

    Ad avere un peso rilevante sono le esperienze di vita, in quanto ogni traguardo raggiunto porta ad un accrescimento della fiducia in sé stessi. Quest’effetto si può ottenere anche in caso di insuccesso se si riesce a trasformare il fallimento in una lezione da apprendere.

    Ogni volta che non si riesce a raggiungere un obiettivo, si devono identificare gli aspetti che non hanno funzionato, con lo scopo di migliorare il lavoro e le proprie qualità personali. È sempre bene non evitare nuove esperienze per la paura di non essere in grado di affrontarle.

    Il confronto costante con gli altri e con gli obiettivi da loro raggiunti può influire positivamente sulla fiducia nelle proprie abilità. Osservare chi ci circonda può indurre ad un accrescimento delle proprie capacità se si colgono le strategie vincenti messe in atto e si adattano al contesto e alle proprie predisposizioni naturali. 

    La qualità delle relazioni sociali instaurate è fondamentale ed ha il forte potere di condizionare l’autostima. Un accrescimento del senso di autoefficacia può avvenire attraverso l’incoraggiamento altrui, il supporto delle persone che circondano l’individuo e i feedback ottenuti dall’ambiente esterno.

  • 2. Migliorare il senso di autoefficacia con lo psicotraining
    Migliorare il senso di autoefficacia con lo psicotraining

    L’insoddisfazione per le proprie prestazioni nello svolgimento delle attività lavorative o quella causata dal non riuscire a raggiungere i propri obiettivi di vita può causare un senso di delusione e di sconforto. Per evitare che ciò influisca negativamente sul senso di autoefficacia si possono intraprendere percorsi con l’obiettivo di migliorare la qualità del proprio lavoro.

    Tra questi vi è lo psicotraining. Non si tratta di psicoterapia, ma di un percorso di training in cui esperti accompagnano l’individuo verso un netto incremento delle proprie performance, grazie alla riduzione di stati emotivi negativi, come l’ansia e lo stress, e dei disturbi psicosomatici. 

    Uno dei vantaggi che si ottengono attraverso lo psicotraining è un miglioramento del benessere personale e della qualità del lavoro, del proprio umore e dello stile di vita. È un percorso mirato, di breve durata, ma integrato e completo, che tiene conto di tutti gli aspetti della persona: cognitivo, emotivo, somatico e comportamentale.

  • 3. La terapia EMDR per incrementare l’autoefficacia
    La terapia EMDR per incrementare l’autoefficacia

    La mancanza di autoefficacia può portare gli individui a non avere la forza di determinare la propria vita e all’incapacità di prendere decisioni con consapevolezza. A volte ciò può essere determinato da traumi del passato o dalla mancanza di esperienze gratificanti. Si può intervenire con percorsi di terapia.

    L’efficacia dell’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing), un metodo applicato nella psicoterapia, è elevata. È un approccio complesso che si basa su un processo neurofisiologico naturale e che utilizza i movimenti oculari per ristabilire l’equilibrio eccitatorio/inibitorio. 

    Considera tutti gli aspetti delle esperienze stressanti o traumatiche vissute dall’individuo, cercando di recuperare le informazioni che provocano patologie e disturbi psicologici. L’obiettivo è quello di rimuovere tutte le convinzioni negative legate agli eventi del passato (come piccoli o grandi traumi subiti in età dello sviluppo, lutti, conflitti familiari, malattie, disastri naturali, etc.) e trasformarle in maniera costruttiva.

  • 4. La persuasione verbale, l’immaginazione e l’autoefficacia
    La persuasione verbale, l’immaginazione e l’autoefficacia

    Per rafforzare l’autoefficacia si può utilizzare il metodo della persuasione verbale. Si tratta di una tecnica che mira ad aumentare la consapevolezza delle proprie capacità elencandole e riportandole alla memoria nei momenti di difficoltà.

    L’esercizio pratico consiste nello stilare una lista di tutti i propri pregi e delle proprie competenze per poi elencarle ad alta voce. Ripetere verbalmente tutto ciò che si sa fare avrà un impatto positivo sulla convinzione di possedere tutte le abilità necessarie per portare a termine determinati compiti e a non dubitare di sé.

    L’immaginazione è uno strumento prezioso per chi avverte la necessità di migliorare la fiducia in sé stesso. A livello inconscio la mente non distingue tra un’esperienza intensamente immaginata e una realmente vissuta. In questo modo si può provocare un senso di gratificazione che incrementa la capacità di vedersi e sapersi efficaci.

    Per saperne di più: Il Self Empowerment Personale

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb