Nel mondo del lavoro e del digital marketing è sempre più diffuso l’utilizzo delle applicazioni di messaggistica. Vengono sfruttate sia per conversare con i clienti, inviargli promozioni, informazioni ed invitarli ad acquistare e provare prodotti e servizi, che per le attività di comunicazione interna ad aziende ed organizzazioni. Le due più famose ed apprezzate sono, senza ombra di dubbio, WhatsApp Business e Telegram.

Entrambe molto diffuse, sono apparentemente molto simili tra di loro e scegliere quella più adatta alla propria attività e al marketing della propria azienda potrebbe non essere semplice. Con entrambe si possono avviare forme di chat-advertising, come le ha definite il Wall Street Journal: nuovi modi di interagire tra brand e potenziali clienti basati sui messaggi istantanei. Per decidere quale adottare nella propria strategia, bisogna tenere in considerazione tutte le funzionalità dell’una e dell’altra piattaforma, le differenze e le opportunità che offrono. 

WhatsApp: la piattaforma che ha superato Facebook

WhatsApp è una delle applicazioni più diffuse in assoluto. Stando ai dati raccolti da We Are Social e Hootsuite nel Report Digital 2022 riferito all’Italia, l’app di messaggistica si piazza in cima ai social più utilizzati, superando anche Facebook. Scelto come canale di comunicazione nelle strategie di marketing, può rappresentare un’interessante opportunità di raggiungere un pubblico ampio. 

Per fare Business con WhatsApp occorre installare WhatsApp Business, che deve essere associato ad un numero di telefono dedicato. I numeri di telefono degli utenti da contattare devono essere raccolti secondo la legge, come stabilito dalla normativa GDPR.

Si possono creare dei gruppi, che possono essere resi monodirezionali. Si può realizzare una lista broadcast: il mittente inserisce i numeri del destinatario e quest’ultimi, per ricevere comunicazioni, devono salvare quello di chi invia. Possono contenere fino ad un massimo di 256 persone. Grazie ai bot, si possono preparare risposte automatiche. Con i cataloghi si possono mostrare e condividere prodotti.

Telegram: uno strumento perfetto per il marketing

Telegram sta raccogliendo sempre più consensi, dimostrandosi uno strumento utile per il marketing. Per utilizzarlo è sufficiente fare l’accesso all’applicazione ufficiale, adatta anche all’uso personale, sia da mobile che da desktop.

Non c’è bisogno di avere una sim dedicata associata e, per contattare i clienti, non è necessario possedere il loro numero di telefono. Si possono creare dei gruppi in tutti i membri possono intervenire e leggere ciò che viene scritto. Se si realizzano dei canali, la comunicazione è unidirezionale. L'iscrizione è volontaria e viene effettuata direttamente dagli utenti. Il numero di persone che possono farne parte è illimitato.

Per inserire i Bot su Telegram ci si deve affidare a terze parti, ma si può dar vita a conversazioni automatizzate complesse. Si può programmare l’invio dei messaggi, fare dei sondaggi e condividere post dai social media.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb