copertina ebook linkedin
Accedi e scarica l'ebook

Lanciato nel mondo dei social network nel 2003, LinkedIn si è subito distinto per la sua natura: aggregare utenti che vogliono creare una rete professionale, migliorare le loro competenze e trovare un nuovo lavoro.

Come i social mostra foto profilo e richiede la creazione di un account, dove vincono però le informazioni su formazione, esperienze lavorative e competenze acquisite, tra soft skill e hard skill. Ben presto, è diventato uno degli strumenti più efficaci per trovare un nuovo lavoro, mettendo in mostra alla community le proprie capacità. 

Un luogo digitale in cui fare networking che non aiuta solo chi è in cerca di lavoro, ma ovviamente anche le aziende che invece cercano risorse preziose. Inoltre, aziende e liberi professionisti possono inserirlo nelle loro strategie di social media marketing per ottenere visibilità e nuovi clienti, oltre che nuovi dipendenti. Ecco quindi cosa c’è da sapere per usare Linkedin al meglio.

Profilo LinkedIn o pagina aziendale: come scegliere

Gli utenti che accedono per la prima volta a LinkedIn possono creare un proprio account personale gratuitamente, dove sarà possibile caricare una versione adattata del proprio curriculum. Il social network infatti richiede solo le informazioni di contatto, le esperienze di lavoro, la formazione e le competenze sviluppate.

Negli anni si sono aggiunte nuove funzionalità, come i test per dimostrare le proprie competenze ai recruiter, e si è dato sempre più spazio ai post e alle news, per creare discussioni e agevolare il networking tra gli utenti, così da favorire il personal branding e i nuovi collegamenti.

Anche le aziende possono creare una propria pagina LinkedIn, così da mostrare la propria realtà aziendale, comunicare i valori, mostrare le ultime attività e ancora fare ricerca di futuri dipendenti attraverso l’apposita sezione annunci.

Come cercare lavoro su LinkedIn

Il social network nel tempo è diventato il posto perfetto per farsi notare, cercare nuove occasioni lavorative e trovare offerte interessanti. Sempre più recruiter, sia di società specializzate che delle singole aziende, vanno a caccia dei profili che potrebbero dare un valore aggiunto al proprio business.

Gli utenti possono filtrare gli annunci di lavoro, impostare notifiche sulla qualifica professionale e la località in cui lo cercano, e visualizzare i risultati. Per candidarsi, invece, bastano pochi clic e l’inserimento se richiesto di un cv, una cover letter e di rispondere ad alcune domande.

LinkedIn è anche in grado di suggerire le offerte di lavoro interessanti in base al profilo dell’utente e di indicare un “match” quando ritiene che il profilo sia in linea con le richieste di competenze da parte di chi ha aperto l’annuncio. E per chi vuole sbloccare funzionalità aggiuntive, test per migliorarsi e vedere come appare ai recruiter, c’è anche LinkedIn Premium: una versione a pagamento con funzionalità aggiuntive.

LinkedIn Marketing: cosa si può fare

Chi entra sul LinkedIn non solo trova nuovi dipendenti o collaboratori, ma usando in modo sapiente le pagine aziendali, e quelle profilo per i liberi professionisti, potrà trovare anche nuovi clienti. Per farlo, bisogna individuare una strategia di marketing per LinkedIn che sia efficace, basata sul proprio target e monitorabile grazie agli analytics della piattaforma.

Accedi e scarica l'ebook
A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb