Mailchimp è il programma per la creazione e l’invio di newsletter e campagne di email marketing più diffuso e utilizzato dagli esperti di marketing e non solo.

L’intuitività dell’interfaccia della piattaforma e la semplicità di utilizzo lo rendono adatto anche ai proprietari di piccole attività commerciali che vogliono trovare metodi efficaci per comunicare con i propri clienti senza dover investire ingenti somme di denaro o dover coinvolgere organizzazioni esterne.

I vantaggi di utilizzo di Mailchimp sono numerosi. Permette di segmentare nella maniera più dettagliata possibile il pubblico di riferimento, consentendo l’invio di messaggi altamente personalizzati e mirati. I costi per l’avvio delle campagne sono nulli, se si accede al piano base, o convenienti se si sottoscrive uno degli abbonamenti.

La piattaforma web consente delle automazioni che riducono la necessità dell’intervento umano e che guidano i destinatari dei messaggi portandoli a compiere l’azione desiderata per permettere all’azienda di raggiungere gli obiettivi di business che si è posta.

La creazione delle e-mail, grazie alla presenza di temi e layout già predisposti, è estremamente semplice. Si possono aggiungere e rimuovere elementi, come immagini, video e divisori, cambiare i colori in ogni parte del contenuto, modificare i caratteri e i formati.

  • 1. Cosa si può fare con Mailchimp: come avviare una campagna efficace
    Cosa si può fare con Mailchimp: come avviare una campagna efficace

    Prima di avviare una campagna di newsletter, occorre studiare il proprio pubblico target e comprenderne i bisogni e le necessità. Le e-mail, nonostante la presenza di numerosi canali di comunicazione sul web, sono ancora un mezzo efficace. È importante strutturare i contenuti in modo che risultino utili a chi li riceve e mai fastidiosi.

    È importante definire in maniera chiara gli obiettivi che si vogliono raggiungere e le azioni che l’audience deve compiere per far sì che la campagna risulti efficace. Mailchimp restituisce delle metriche e dei report che consentono di valutare i risultati ottenuti con le proprie azioni.

    I messaggi all’interno della mail devono essere scritti in modo chiaro e comprensibile per evitare fraintendimenti.

    Le newsletter possono essere programmate con largo anticipo. Sulla piattaforma si può indicare la data e l’orario di avvio della campagna e monitorarne l’andamento. Grazie ad un servizio di file hosting gratuito, si possono allegare file di diversi formati senza appesantire il contenuto e rischiare che la mail venga considerata spam.

  • 2. Mailchimp: come creare una newsletter
    Mailchimp: come creare una newsletter

    Su Mailchimp si può creare una newsletter in pochi passaggi ed inviarla a tutti i contatti iscritti e che potrebbero avere interesse a ricevere informazioni, offerte o notizie sulle novità riguardanti l’organizzazione. Innanzitutto, occorre fare l’accesso alla piattaforma dal sito ufficiale, inserendo le proprie credenziali.

    Nella home-page di Mailchimp selezionare la voce ‘Create’ presente nel menù che si trova sul lato sinistro della schermata. Fare click su ‘Email’ e selezionare una tra le opzioni presenti. Con ‘Regular’ si potrà avviare una classica campagna, con ‘Plain Text’ si creano contenuti semplici, privi di elementi multimediali, e facendo tap su ‘Template’ si può selezionare uno dei modelli già predisposti dalla piattaforma.

    Per personalizzare la newsletter in ogni sua parte è consigliabile procedere selezionando la voce ‘Regular’. Dopo aver fatto click, Mailchimp invita l’utente ad inserire il nome della campagna e-mail e, successivamente, premere su ‘Begin’.

    Inizia il processo di creazione della e-mail. Sarà necessario indicare i destinatari delle newsletter, selezionando l’audience tra le liste email inserite sulla piattaforma. Occorre dichiarare chi è il mittente del messaggio, utilizzando un nome facilmente riconoscibile da chi riceve il messaggio e un indirizzo di posta elettronica di riferimento.

    Si può personalizzare l’oggetto dell’e-mail. È il primo elemento che attira l’attenzione del destinatario. Deve essere accattivante, in modo da incentivare l’utente ad aprire il contenuto ricevuto ed evitare che venga cestinato senza essere letto.

    Facendo click su ‘Design E-mail’ si personalizza il messaggio sotto ogni suo aspetto. Si può iniziare selezionando un layout o un tema già predisposto. Scegliendo la base di partenza, si potrà poi modificare l’intera struttura del contenuto.

    Sul lato sinistro dello schermo viene visualizzata l’anteprima della e-mail, sul lato destro sono presenti tutti gli elementi che possono essere aggiunti al contenuto. Attraverso la voce ‘Block’ si possono inserire riquadri testuali, divider, immagini, bottoni, pulsanti per la condivisione sui social, footer e video.

    All’interno dei box testuali si può allegare un PDF. Facendo click sull’icona del collegamento è possibile selezionare il file desiderato. Verrà generato un link attraverso il quale gli utenti potranno fare il download del contenuto.

    Facendo click su ‘Style’ si potrà modificare l’aspetto della e-mail, intervenendo sui colori dello sfondo, dei testi, sui caratteri, i font, i bordi della pagina, del pre-header, dell’header, del corpo e del footer. Si possono cambiare le dimensioni di titoli e testi per renderli adatti alla visualizzazione da mobile.

    Terminata la creazione dell’e-mail si può decidere se programmare la campagna o avviarla immediatamente. Prima dell’inoltro all’intera platea dei destinatari si possono inviare email di prova ad indirizzi personali, visualizzare l’anteprima e apportare ulteriori modifiche se ritenute necessarie.

    Dopo aver lanciato la campagna, è sempre consigliabile monitorarne i risultati per poter migliorare le performance future. Si possono studiare, ad esempio, i tassi di apertura, quelli di disiscrizione e il numero di click sul link.

    Per saperne di più: Come funziona e cosa puoi fare con Mailchimp

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb