Chi non conosce la famosa saga cinematografica Guerre Stellari? Quando è uscita, negli anni Settanta, la trilogia di George Lucas è diventata subito un fenomeno. Star Wars The Old Republic, abbreviato come SWTOR, può essere considerato una “trasposizione” su PC del celebre film, con delle differenze. Si tratta di un gioco di ruolo online, lanciato a fine 2011, ed è il secondo videogioco per computer dopo Star Wars: Knight of the Old Republic (2003), primo in assoluto ambientato nell’universo di Guerre Stellari. SWTOR è un videogame di tipo MMOPRG (massively multiplayer online role-playing game), ossia un gioco di ruolo che può essere svolto tramite Internet da più persone contemporaneamente e che richiede connessioni alla Rete anche piuttosto prestanti.
 
Ambientazione del game è, ovviamente, lo spazio, ma la dimensione temporale è precedente rispetto a quella del film di Lucas: siamo a 3500 anni prima. Ogni giocatore sceglie un avatar (selezionandolo tra i personaggi di Star Wars) e si trova a dover combattere nel conflitto divampato tra la flotta Sith, che intende vendicarsi degli Jedi, antichi nemici, e l’esercito della Repubblica. Alla fine del gioco si riuscirà a sancire la pace, ma nuove tensioni per il controllo dei pianeti e delle galassie già si preannunciano all’orizzonte. Il giocatore deve completare delle missioni, che, se vanno a buon fine, gli permettono di conquistare dei punti, indispensabili per l’utilizzo degli oggetti di gioco, come le spade. Allo stesso tempo, al crescere dei livelli, è possibile acquisire delle abilità lavorative, che consentono di dare vita a oggetti utili al giocatore per portare avanti le missioni e accumulare punti ulteriori. Per superare le missioni e crescere di livello, ogni giocatore può chiedere il supporto di aiutanti (companions).
Uno degli ostacoli più significativi per lo svolgimento del gioco di ruolo è rappresentato dal fatto che la versione free, scaricabile dal sito dedicato, ferma il giocatore al 15mo livello. Per proseguire, non resta che fare il download di quella “preferred status”, al costo di cinque euro mensili, oppure della versione tradizionale (quella gratuita è stata introdotta a novembre dello scorso anno), che, però, richiede il pagamento di un abbonamento mensile di 15 euro.
 
una schermata del gioco
 
Una delle ultime novità del gioco è l’apertura all’omosessualità: dalla primavera 2013 in SWTOR sarà introdotta la possibilità di iniziare relazioni anche tra personaggi dello stesso sesso. Una mossa fatta per diffondere la cultura della diversità anche nell’universo dei videogiochi
 
30 gennaio 2013

 

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb