login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Genitori – figli, lo scontro si sposta online

Secondo uno studio di Microsoft i ragazzi non sono felici delle immagini e video pubblicati dai loro genitori online. I dati della ricerca

privacy ragazzi

I social media sono letteralmente invasi di foto di bimbi e bimbe di tutte le età. Si parte dal primo scatto appena nato per arrivare al fatidico primo giorno di scuola. Ogni singolo momento viene documentato, uno storytelling completo, assiduo e diciamo la verità, a volte veramente stucchevole. Come delle moderne Cornelie digitali gran parte delle mamme di oggi ostentano i loro figli come se fossero dei gioielli: "haec ornamenta mea" sembrano dire nel momento che si apprestano a postare le foto dei figlioli sui loro profili social.

Ma questo comportamento è preso troppo alla leggera e pubblicare costantemente fotografie dei bambini che in realtà celano una serie di importanti e preziose informazioni non è cosa buona. Ma al di là dei rischi che implica un tale comportamento sembra che i primi a non gradire siano proprio i soggetti delle foto, ovvero i ragazzi stessi.

I genitori pubblicano le immagini dei loro figli senza pensare alle conseguenze. E senza chiedere il consenso ai bambini, ancora troppo piccoli per capire e per decidere. Microsoft ha condotto uno studio sul caso e ha scoperto cose molto interessanti. I ragazzi non sono contenti delle attenzioni social dei loro genitori e preferirebbero che le loro immagini non venissero pubblicate online.

Lo studio Microsoft

studio microsoft

Secondo un recente studio condotto da Microsoft almeno quattro adolescenti su dieci sono scontenti e preoccupati della quantità di informazioni personali condivise dai genitori sui social media. La ricerca mostra come in ben 25 paesi, tra cui l'Italia, il 42% degli adolescenti intervistati è consapevole di avere un problema relativo a questo comportamento dei genitori, ma non solo, di questi, l'11% lo percepisce e lo vive come un problema molto grave, il 14% come un problema di media entità, mentre per il restante 17% si tratta di un comportamento di poco conto. Il 66% dei ragazzi ascoltati affermano poi di essere state vittime di almeno un rischio online causato proprio da questo eccesso di esposizione sui social media e si dicono molto preoccupati che tale rischio possa accadere di nuovo.

Lo studio sottolinea come, nonostante siano tantissimi gli adulti che continuano a reiterare questo tipo di atteggiamento online, ignorando i rischi che può comportare, anche nel 2019 gli adolescenti hanno continuato ad interpellare i loro genitori o altri adulti fidati per confidarsi e chiedere aiuto per risolvere problemi scaturiti online. Alla domanda che chiedeva ai ragazzi di identificare chi fossero i modelli di comportamento online da imitare l'80% degli adolescenti ha indicato i genitori seguiti dagli insegnati con il 49%, da altri adulti per il 22%, da atleti affermati per il 17% e, infine, dalle celebrità per il 15%.

I Tech-Quiz di Mister Plus

0/ 0
Risposte corrette
0' 0"
Tempo impiegato
Vai alla classifica

Lo scopo della ricerca della Microsoft è quello di continuare ad incoraggiare gli adulti a tenere un comportamento online consono e rispettoso. Gli adulti devono provare a partecipare alle attività online svolte dai propri figli dimostrandosi sempre attenti, aperti e disponibili a sostenere conversazioni sugli aspetti della loro vita in rete. Ascoltando senza giudicare quando ci si imbatte in situazioni online rischiose o imbarazzanti, cercando di concordare insieme qualsiasi forma di azione volta al contrasto e alla risoluzione di tali problematiche.

Sei sicuro di proteggere davvero i tuoi dati e i tuoi dispositivi connessi online? Scarica il nostro ebook gratuito per conoscere i trucchi e i consigli per aumentare la tua sicurezza in rete.

A cura di Cultur-e
Addestramento IA non consentito: É assolutamente vietato l’utilizzo del contenuto di questa pubblicazione, in qualsiasi forma o modalità, per addestrare sistemi e piattaforme di intelligenza artificiale generativa. I contenuti sono coperti da copyright.
TecnologicaMente
Sei schiavo dello smartphone o padrone del tuo tempo?
Immagine principale del blocco
Sei schiavo dello smartphone o padrone del tuo tempo?
Fda gratis svg
Fai il test e scopri se è ora di un digital detox!
Fai il test gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.