La data di uscita si conosce già. O meglio, si conosce quella che presumibilmente sarà la data in cui Samsung lo presenterà alla stampa. Per essere precisi, il prossimo 3 settembre nel corso dell'IFA di Berlino, come da consuetudine della casa sudcoreana. Quel giorno, i vertici di Samsung toglieranno i veli dal Galaxy Note 4, utlimo nato della fortunatissima linea di phablet made in Korea.

Nei mesi e nelle settimane passate sono state già pubblicate diverse indiscrezioni sull'ultimo nato in casa Samsung: dalle dimensioni del display (5,9 pollici, generose come al solito), alla risoluzione dello schermo (un Quad HD AMOLED da 2.560x1.440 pixel), alla presenza di sensori per il fitness e il monitoraggio delle funzioni vitali dell'utente (in particolare, un sensore per misurare la frequenza cardiaca). Ora, a meno di un mese dalla presentazione, compaiono le prime presunte immagini del dispositivo e della scatola che dovrebbe accompagnarlo, a partire dall'autunno, sugli scaffali dei negozi di elettronica di tutto il mondo.

Solidità

Ad una prima occhiata, il corpo del dispositivo sudcoreano appare molto solido. Se le immagini dovessero effettivamente riferirsi al Galaxy Note 4 e non fosse uno dei tanti prototipi che si sfornano in occasioni del genere, ci troveremmo di fronte a un phablet dall'anima forte come l'acciaio. Il grigio lucido dei bordi, infatti, fa venire alla mente consistenze metalliche, mentre la parte frontale del dispositivo è simile a moltissimi altri cellulari prodotti da Samsung: gran parte della superficie occupata dal display, un pulsante fisico nella parte inferiore del dispositivo e, ai lati di questo, spazio per due pulsanti virtuali. Nel bordo inferiore, invece, sono ospitati l'ingresso micro-USB 3.0 per la ricarica e la connessione con computer e laptop e gli altorparlanti stereo. La S-pen dovrebbe trovare spazio su uno dei lati del dispositivo.

 

Ancora immagini del Galaxy Note 4 e della scatola

 

Qualche novità arriva, invece, dalla parte posteriore del Note 4. Dalle immagini, infatti, si può notare una cover di materiale plastico (o almeno così pare) con una texture molto simile alla pelle. Non si sa ancora se il modello che verrà commercializzato manterrà questa peculiarità: se così fosse, dovrebbe garantire un gran colpo d'occhio.

La scatola della verità

Se qualcuno nutrisse dei dubbi rispetto allo scoop fatto da GMS Arena, c'è un particolare che conferisce una sorta di sigillo di autenticità: la scatola. L'involucro, infatti, è identico per forma, dimensioni e layout grafico a quelli utilizzati solitamente dalla casa sudcoreana per commercializzare i suoi dispositivi mobili: il fatto che gli stessi elementi si ritrovino nello scatolo del Galaxy Note 4 conferisce maggior attendibilità alla notizia.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb