Il pranzo di Pasqua è uno di quei momenti nei quali la famiglia italiana si riunisce attorno alla tavola imbandita per celebrare una delle ricorrenze più sentite della tradizione popolare. Per questo, chiunque abbia l'incarico di preparare le pietanze, sceglie sempre con molta cura il menu: dall'antipasto al dolce, tutto dovrà essere perfetto e, ovviamente, a tema.

Nel caso in cui si resti a corto di idee oppure si vuole presentare un menu di Pasqua 2015 con qualche piccola variazione rispetto ai canoni tradizionali, ci si può affidare ovviamente al web. La Rete offre decine di proposte in grado di soddisfare il palato di chiunque: non solo abbacchio a scottadito o torta pasqualina, ma anche un menu molto particolare, composto esclusivamente di verdure ed ortaggi. Perché anche vegetariani e vegani possano partecipare al pranzo di Pasqua senza esser costretti – magari – a portare il cibo da casa.

Gli antipasti

Da tradizione, le uova solo le protagoniste di ogni pranzo di Pasqua che si rispetti. Tanto in veste di dolce (le classiche uova di Pasqua di cioccolato, ma non solo), quanto come antipasto. Il portale LeiTv, ad esempio, propone diversi antipasti con l'uovo come protagonista: dalle uova sode ripiene con tonno o con crema di asparagi; rotolo di frittata ripiena con zucchine e formaggio o, ancora, otto idee sfiziose e veloci a base di uova per gli antipasti del menu di Pasqua.

 

Uova ripiene con crema di asparagi

 

Nel caso in cui non si voglia comprare il “solito” pane, si può decidere di farlo in casa rispettando, allo stesso tempo, il tema pasquale: dalla tradizione marchigiana arriva la crescia ai formaggi, ottima da degustare insieme ai salumi tipici della propria regione ma non solo.

 

Crescia ai formaggi

 

Chi è attento alla linea e non vuole esagerare con le uova, invece, può spulciare tra le 10 proposte per gli antipasti di Pasqua che arrivano dal portale Butta la pasta: dalla torta pasqualina light ai vol-au-vent carciofi e piselli, trovare uno o più piatti con il quale iniziare il pranzo di Pasqua in maniera leggera, ma sempre gustosa, sarà un gioco da ragazzi.

 

Torta pasqualina

 

Gli amanti della tradizione, comunque, non sapranno rinunciare alla torta pasqualina classica così come proposta dal portale Donna Moderna.

I primi piatti di Pasqua

A seconda del numero di antipasti preparati, le scelte del primo da inserire nel menu di Pasqua possono essere varie. Restando nell'alveo della tradizione pasquale – facendo ben attenzione a non esagerare con gli antipasti, però – si può preparare la minestra maritata, piatto ricco e sostanzioso tipico della tradizione napoletana e proposto dal portale GialloZafferano. Dal portale di Sonia Peronaci arriva un'altra ricetta ricca ma allo stesso tempo non troppo pesante: la teglia di pasta con carciofi, patate e piselli che, all'occorrenza, può essere riscaldata il giorno seguente e utilizzata come piatto unico per la scampagnata di Pasquetta.

 

Torta maritata

 

Il portale Alice.tv, invece, propone un sostanzioso timballo di pasta con salciccia e carciofi capace di soddisfare anche i palati più esigenti. I cannelloni di magro per Pasqua suggeriti da Donna moderna sono una valida alternativa.

 

Tagliolini al nero di seppia con crema di gamberi

 

Molte le opzioni anche per chi predilige un primo piatto di pesce. Il portale Ricette della nonna, ad esempio, suggerisce di inserire nel menu di Pasqua un piatto di spaghetti con vongole e sparnocchi: una ricetta tutto sommato semplice, ma molto gustosa e dal profumo delicato. Dal portale Cucchiaio d'argento, infine, arrivano due ricette leggermente più complesse, ma che permetteranno di fare un figurone con tutti gli invitati al pranzo di Pasqua 2015: i tagliolini al nero di seppia con crema di gamberi e i cannelloni all'astice con salsa allo zafferano. Due prelibatezze che permetteranno di non appesantire troppo il menu di Pasqua 2015.

I secondi piatti di Pasqua

Attingendo a piene mani dalla tradizione pasquale romana, il pranzo di Pasqua può proseguire con l'abbacchio a scottadito da accompagnare, come suggerito nella ricetta di GialloZafferano, con un piatto di patate al forno. Per la serie “variazioni sul tema”, l'agnello (o abbacchio che dir si voglia) può essere preparato in decine di altri modi: in crosta di pistacchi come suggerito dal solito GialloZafferano oppure alla cacciatora o ancora in umido seguendo le ricette di LeiTV.

 

Abbacchio a scottadito

 

Se la carne di agnello non dovesse piacere, si può optare per il cosciotto di capretto ai pistacchi accompagnato da patate novelle arrosto. La ricetta, semplice e tutto sommato veloce, è del portale Ricette della nonna.

 

Cosciotto di capretto ai pistacchi

 

Come contorno – oltre le patate arrosto, ovviamente – è possibile optare per il carciofo alla romana o per verdure miste al forno.

I dolci di Pasqua

Un pranzo di Pasqua non potrà mai essere completo senza che sul tavolo arrivino i dolci della tradizione, uova di Pasqua e colomba in primis ma non solo. Anche se molti preferiscono acquistare i dolci della tradizione pasquale nei negozi o nelle pasticcerie, nulla vieta di realizzarli in casa: sul portale Cucchiaio d'argento, ad esempio, è possibile trovare il procedimento per realizzare l'uovo di Pasqua da sé, mentre su Butta la pasta è presente la ricetta per la più classica delle colombe pasquali. Rifacendosi sempre alla tradizione, si potrebbe decidere di chiudere il menu di Pasqua con la pastiera napoletana, ma in questo caso il livello di difficoltà sale leggermente.

 

Pastiera napoletana

 

Volendo, però, è possibile chiudere il pranzo di Pasqua con dolci fantasiosi e sfiziosi. Si potrebbe portare in tavola, ad esempio il ciambellone nido di Pasqua, con tante uova decorate e colorate al centro, oppure utilizzare l'uovo di Pasqua o la colomba fatte in casa per ricette originali, gustose e belle da vedersi. L'uovo, ad esempio, può essere tagliato e riempito con crema di tiramisù all'arancio, mentre la colomba può essere riutilizzata per realizzare un tiramisù pasquale (anche in versione mignon).

 

Colomba tiramisu

 

Anche la pastiera, infine, può essere rivista e trasformata in un dolce al cioccolato, così come si legge nella ricetta GialloZafferano.

Il menu vegetariano per Pasqua

Come visto, il pranzo di Pasqua può essere di difficile digestione per vegetariani e vegani. Fortunatamente, con un po' di fantasia è possibile realizzare un menu di Pasqua senza carne e, in alcuni casi, senza ingredienti di derivazione animale. Certo, bisognerà rinunciare ad alcune delle pietanze e ad alcuni dei simboli della Pasqua (come l'uovo), ma di certo non si resterà a digiuno.

Il pranzo di Pasqua potrebbe iniziare con una farinata mediterranea alle patate e con una quiche di zucchine, un'insalata di rapanelli e fave oppure con una cheesecake salata con crema di cipolle di tropea. I primi di carne o pesce possono essere sostituiti, nel menu di Pasqua, con dei paccheri ripieni di pesto e gratinati al forno o crespelle con crema di peperoni e ripiene di spinaci freschi.

 

Cheesecake con crema di cipolle di tropea

 

Non mancano, poi, le alternative all'abbacchio a scottadito o al cosciotto di capretto. Si potrebbe optare, ad esempio, per lo spezzatino di seitan con sformato di polenta taragna oppure per i burger vegan con maionese senza uova. Come contorno lo sformatino di asparagi con crema al quartirolo permetterà di far risaltare i sapori delle altre pietanze e abbellire la presentazione del piatto.

 

Sformato di asparagi

 

I biscotti vegan al cacao o i bicchierini di pastiera concluderanno degnamente un menu di Pasqua ricco e rispettoso della cultura veg.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb