login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Passaporto digitale, inizia la sperimentazione del progetto in Finlandia

Ascolta l'articolo

Il passaporto digitale è sempre più realtà. In Finlandia sono iniziate le prime sperimentazioni del progetto pilota: tutti i dettagli e cosa cambierà in Europa

passaporto digitale Shutterstock

Il passaporto digitale è un progetto di cui si è iniziato a parlare nel passato e che è stato a lungo. Ora sta per diventare realtà e attraverserà una fase sperimentale che si terrà in quello che è conosciuto come uno dei Paesi più felici e all’avanguardia del mondo: la Finlandia. 

Tutti i residenti in Finlandia che dovranno affrontare viaggi fuori dai confini europei, verso specifici Paesi, potranno mettere da parte il consueto passaporto cartaceo per utilizzare quello digitale, più pratico e impossibile da smarrire. 

Quello dal cartaceo al digitale è un passaggio che dovrà avvenire gradualmente, per questo motivo al momento il nuovo documento si può utilizzare solo per i viaggi dalla Finlandia verso un numero limitato di Paesi. È un modo per individuarne criticità, difficoltà di attuazione del progetto e per perfezionarlo nelle parti più problematiche.

Finlandia: il passaporto digitale è realtà, ma solo in alcuni casi

I viaggiatori finlandesi che desiderano viaggiare verso il Regno Unito possono lasciare a casa il proprio passaporto cartaceo. In aeroporto e alla frontiera, infatti, dovranno mostrare la versione digitale del documento attraverso il proprio smartphone.

In particolare, la presentazione del passaporto digitale sarà consentita per tutti quei passeggeri che scelgono di volare con la compagnia aerea Finnair e che atterrano a Edimburgo, Manchester e Londra. Per poter viaggiare viene richiesto loro di scaricare un’applicazione appositamente realizzata, registrarsi presso l’ufficio di polizia indicato, inviare i dati richiesti entro 36 ore prima della partenza e scattare una nuova fotografia identificativa.

Questo primo esperimento ha attualmente dimensioni ridotte, proprio per consentire un maggior controllo sul suo svolgimento e cogliere senza grandi difficoltà eventuali criticità. La prima fase si concluderà a febbraio del 2024.

L’obiettivo finale è quello di estendere l’utilizzo del passaporto digitale in maniera diffusa in tutta l’Unione Europea e, successivamente, in tutto il mondo per rendere meno complicati e più veloci i controlli di sicurezza che vengono effettuati alle frontiere. Il prossimo Paese ad unirsi al progetto sarà la Croazia.

Passaporto digitale, cos’è e i vantaggi

Il passaporto digitale (DTC) è il corrispondente digitale della versione cartacea del documento che consente ai viaggiatori di spostarsi oltre i confini del proprio Paese. Sarà sufficiente mostrare quello presente sul proprio smartphone per attraversare le frontiere, senza la necessità di dover avere sempre con sé il libretto.

I vantaggi derivanti dalla digitalizzazione del passaporto sono tanti. In prima battuta, la semplicità dei controlli, che possono avvenire in maniera rapida. Diminuiscono anche i tempi di rilascio del documento, che in alcune località sono estremamente lunghi.

Non mancano le comodità per i viaggiatori, che non dovranno temere che una dimenticanza del documento possa mettere a rischio il proprio viaggio. I dati necessari sono sempre presenti sul proprio smartphone.

A cura di Cultur-e
Prompt engineering
Immagine principale del blocco
Prompt engineering
Fda gratis svg
Come interrogare le intelligenze artificiali
Iscriviti al corso gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.