La fatturazione elettronica ha la stessa valenza legale di quella cartacea tradizionale, ma non solo. A partire dal 2014 è iniziato il processo che la porterà ad essere obbligatoria per praticamente tutti i contribuenti entro il 2024. 

In tal senso il 2022 è il primo anno in cui si è iniziato ufficialmente a parlare di fattura elettronica per il forfettario. Nel dettaglio per coloro che percepiscono più di 65.000 euro l’anno. 

Non sorprende dunque che sempre più utenti cerchino informazioni sull’accesso alla fatturazione elettronica e sulle app per la fatturazione elettronica. Programmi che permettono la creazione, l’invio e la conservazione delle proprie fatture, nel rispetto delle norme. 

A partire da FatturAE, l’app di fatturazione elettronica ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Fino ad arrivare a Fattura Elettronica APP, un servizio gratuito disponibile per sistemi operativi Android e iOS. Ma anche alle app che permettono di automatizzare l’emissione di fattura elettronica per il carburante

  • 1. Come funziona la fatturazione elettronica
    Fattura Elettronica

    Shutterstock

    La fatturazione elettronica è stata introdotta in Italia con la legge finanziaria del 2008. È obbligatoria dal 2014 per quanto riguarda il mondo della Pubblica Amministrazione. È obbligatoria dal 2018 per quanto riguarda le transazioni tra privati

    Dal 1° luglio 2022 anche alcuni contribuenti che aderiscono al regime forfettario devono emettere fattura elettronica. Più precisamente coloro che, nell’anno precedente, non hanno percepito più di 65.000 euro di compenso. Infine è previsto che, a partire dal 2024, la fattura elettronica per il forfettario coinvolgerà tutti i contribuenti: quindi anche coloro che avranno percepito una cifra superiore ai 65.000 euro di compenso

    Esistono tre tipologie fondamentali di fattura elettronica: quella immediata, quella differita e quella anticipata. La procedura di accesso alla fatturazione elettronica è grosso modo la medesima. 

    Nel nostro Paese la fatturazione elettronica è obbligatoria dal 2014. Nel 2024 coinvolgerà la totalità dei contribuenti del regime forfettario

    Allo stesso tempo non variano i dati richiesti per la compilazione. In linea di massima bisogna inserire informazioni relative alla data di inizio e fine del bene o servizio venduto. A ciò si aggiungono dati relativi al soggettofiscale (colui che emette fattura elettronica) e quelli relativi al cliente (colui che acquista un bene o un servizio). 

    Un software per la fatturazione elettronica è semplicemente un programma che consente di compilare, esportare e inviare fatture elettroniche. Il tipo di file obbligatorio dal 2018 per la gestione delle fatture elettronica è l’XML. Il sito dell’Agenzia delle Entrate italiana è un primo importante punto di riferimento in tal senso. Specie per i titolari di identità digitale SPID

    L’Agenzia delle Entrate offre anche un servizio gratuito di conservazione della fattura elettronica: un processo che prevede diversi passaggi obbligati e che è regolamentato direttamente dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD). 

  • 2. Le migliori app per la fatturazione elettronica
    Fattura elettronica

    Shutterstock

    Una delle app per la fatturazione elettronica più apprezzate in assoluto è disponibile per Android e iOS ed è totalmente gratuita. Il riferimento è a Fattura APP, che permette di creare, inviare e gestire fatture perfettamente a norma. 

    Fattura Elettronica APP per funzionare ha bisogno di un indirizzo email da parte dell’utente. Dopodiché basta fare tap sul pulsante Iniziamo per entrare nel vivo della fatturazione elettronica. 

    Una volta compilati tutti i dati richiesti dal sistema, è sufficiente fare tap sul pulsante Invia Fattura: in pochi istanti il documento verrà inviato al Sistema di Interscambio. Dopodiché l’utente riceverà una email di conferma nel momento in cui la fattura elettronica sarà effettivamente arrivata al cliente

    Un’altra app per fatturazione elettronica particolarmente apprezzata è FatturAE: il software mobile ufficiale della Pubblica Amministrazione italiana. 

    FatturAE si integra alla perfezione con i servizi a disposizione dell’utente tramite il sito web dell’Agenzia delle Entrate: quelli presenti all’interno dell’area Fatture e corrispettivi. 

    Tra le app per la fatturazione elettronica più apprezzate dagli utenti si trovano FatturAE, Fattura APP e Fatture in Cloud

    Con FatturAE l’utente può generare e inviare tante diverse tipologie di fattura: da quella semplificata a quella ordinaria; dalla fattura elettronica carburante alle note di variazione. 

    Spazio anche a Fatture in Cloud: un’app a pagamento, pensata per rendere la creazione delle fatture elettroniche il più semplice possibile. Il software prevede un mese di prova gratuita. Dopodiché è necessario sottoscrivere un abbonamento da 8 euro + IVA almese, che sblocca servizi e vantaggi aggiuntivi.

    Con Fatture in Cloud è possibile anche gestire ricevute, preventivi, documenti di trasporto, note di credito e proforma. Ma non solo. È addirittura possibile gestire un vero e proprio Registro Acquisti: uno spazio in cui ordinare e organizzare tutte le proprie attività. 

    Infine spazio a un’app che non si occupa di fatturazione elettronica al 100%. Come ben suggerito dal suo stesso nome, l’app Lettore Fattura Elettronica permette soltanto di visualizzare le fatture

    Il suo vantaggio principale rispetto ad altre app più complesse è l’immediatezza. Con Lettore Fattura Elettronica l’utente può controllare le sue fatture elettroniche in pochi tap. Le può addirittura visualizzare in formati diversi: quello Compatto, quello Dettagliato e quello PDF, ottimizzato per la stampa. 

  • 3. Le app per gestire la fattura elettronica carburante
    Fare benzina con le applicazioni

    Shutterstock

    Un piccolo discorso a parte per delle realtà che intersecano soltanto in parte il mondo della fatturazione elettronica. Il riferimento è alle app, ma anche alle carte, che permettono di gestire la fattura elettronica carburante.

    Esistono diverse soluzioni a disposizione dell’utente. Per essere certi di sceglierne una valida bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti. Uno su tutti la sua validità.

    Le app per la fattura elettronica carburante infatti non funzionano necessariamente con gli scontrini di tutti i fornitori. L’utente deve dunque assicurarsi che la sua stazione di servizio di fiducia sia convenzionata col software mobile che intende scaricare.


    Per saperne di più: Fattura elettronica: cos'è, come funziona e per chi è obbligatoria

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb