Ogni giorno che passa la tecnologia fa un passo in avanti che rende obsoleto quello che fino a tre o quattro anni fa era moderno. Gli smartphone hanno praticamente reso inutili i telefonini e tra un paio di anni un nuovo dispositivo renderà vecchi gli smartphone (e molto probabilmente dovremmo aspettare meno di quello che pensiamo: gli schermi flessibili dovrebbero essere lanciati quest'anno e potrebbero cambiare il mondo della telefonia per sempre).

Per capire cosa cambierà nei prossimi anni, IBM ogni dodici mesi rilascia una lista con le cinque tecnologie che nel prossimo futuro diventeranno di uso comune nella vita di tutti i giorni. Anche nel 2017, l'azienda statunitense ha rispettato l'appuntamento annuale e ha evidenziato cinque campi di sviluppo: oltre ai classici big data che diventeranno sempre più importanti, le persone potranno sfruttare i raggi X per avere una "supervista", mentre per le malattie incurabili ci saranno medicine sempre più efficaci. Infine, i sensori invaderanno le nostre città per raccogliere dati sull'inquinamento atmosferico e aiuteranno i sindaci a fare scelte intelligenti. Ecco i trend tecnologici dei prossimi cinque anni.

Prevenire le malattie mentali

 

analisi linguaggio

 

L'analisi del linguaggio diventerà sempre più importante e non solo per la social media analysis. Secondo gli esperti studiando il modo in cui le persone si esprimono e scrivono è possibile capire se entro un paio di anni svilupperanno una forma di psicosi o pazzia mentale. Nel mondo sono oltre 450 milioni le persone che soffrono di malattie mentali, e nella maggior parte dei casi non è semplice riuscire a prevenire l'insorgere del problema. Studiando i pattern presenti nel modo in cui le persone si esprimono è possibile capire se l'individuo soffre di qualche disturbo della personalità. Secondo Guillermo Cecchi, neuroscienziato di IBM, grazie allo studio dei big data raccolti attraverso l'analisi del linguaggio sarà possibile ottenere delle diagnosi più veloci rispetto ai sistemi utilizzati finora dalla medicina.

Vista a raggi X

 

raggi x

 

Associata solitamente ai film di fantascienza, la vista a raggi X potrebbe diventare realtà. IBM è al lavoro su una piattaforma che permetterà agli utenti di sfruttare i raggi X per aumentare le proprie capacità visive. Se la ricerca andrà a buon fine, il futuro delle persone sarà completamente differente. Ad esempio, la tecnologia a raggi X potrà essere utilizzata all'interno delle automobili per riuscire a prevenire il pericolo di ghiaccio o potrà essere implementata negli smartphone per scoprire le proprietà nutritive del cibo. L'unico problema riguarda la privacy: infatti, i raggi X potrebbero essere utilizzati anche per guardare attraverso i vestiti delle persone. Un problema che dovrà essere affrontato per non mettere in pericolo lo sviluppo della tecnologia a raggi X.

Big data

 

big data

 

I big data sono il "cibo" con cui ci nutriremo nei prossimi anni. Ogni lista che tratta degli sviluppi futuri della tecnologia mette ai primi posti i big data. I grandi database diventeranno importantissimi in qualsiasi disciplina e in molti casi già lo sono. Nei prossimi anni saranno sviluppati nuovi software sempre più sviluppati che permetteranno di raccogliere, analizzare e studiare in maniera sempre più approfondita i dati che raccoglieremo dai social media, ma anche dalla nostra attività fisica grazie gli activity tracker o dagli smartwatch. Ogni nostra singola attività potrà essere tracciata grazie a dei sensori. I big data trasformeranno qualsiasi tipo di attività, anche quelle più restie ai cambiamenti.

Prevenire i tumori

 

tumori

 

La grande sfida del XXI secolo sarà quella della prevenzione dei tumori. Pensare di sconfiggere il cancro è un'utopia, ma cercare di diminuire l'incidenza dei tumori è possibile. E anche in questo caso i big data potranno dare una mano, ma dovranno essere supportati da nuove tecnologie che alcune aziende stanno sviluppando. Il futuro sarà dei lab-on-chip, dei piccolissimi dispositivi che permetteranno di fare un check-up della persona in pochissimi minuti e permetteranno di capire se c'è qualcosa che non va. Anche un semplice valore delle analisi fuori posto potrà far scattare l'allarme. Per sconfiggere il cancro saranno necessari ancora anni di ricerche, ma intanto la tecnologia potrà dare una mano a far diminuire il tasso di mortalità.

Tenere sotto controllo l'inquinamento

 

inquinamento

 

Nonostante gli accordi internazionali per abbassare il numero di sostanze nocive presenti nell'aria, ogni anno le principali città italiane sono obbligate a bloccare il traffico a causa dell'inquinamento atmosferico. Grazie a dei sensori da installare in punti specifici della città sarà possibile scoprire immediatamente se il tasso di inquinamento sta superando una soglia critica e se è necessario intervenire con qualche misura precauzionale. Inoltre, grazie ai sensori sarà possibile scoprire quali sono le sostanze nocive che inquinano l'aria e approntare una strategia a trecentosessanta gradi che dia l'opportunità di risolvere il problema definitivamente. E non solo a livello locale, ma globale.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb