Quattromila nuovi contagi ogni anno. Nella gran parte dei casi lo si viene a scoprire quando è troppo tardi, ovvero quando la malattia è già in fase avanzata e non si può fare più nulla per arrestarla e contrastarla. L'epidemia di AIDS assume contorni sempre più drammatici anche in Italia, con decine di nuovi contagiati scoperti ogni giorno e nessuna seria politica per arginarne la crescita.

 

 

Alla base di tutto, stando agli esperti, la carenza di informazioni a riguardo. “Dobbiamo riflettere – afferma Massimo Andreoni, presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali di Milano – sul fatto che le nuove infezioni non calano e si arriva alla diagnosi tardi, quando la malattia è molto avanzata. La gente deve essere sensibilizzata a fare il test. Oggi sono pochissimi gli adolescenti che hanno questa consapevolezza. Non bisogna abbassare la guardia. Anche perché l'80% delle infezioni adesso avviene per via sessuale".

Il web può essere un'ottima arma per combattere la disinformazione.

Il Ministero della Salute

Sul sito ufficiale del Ministero è possibile trovare moltissime sezioni dedicate al virus e alla sindrome. È la risorsa italiana primaria per chiunque voglia saperne di più sulla malattia, sulle modalità con cui si può restare contagiati e come si manifestano i sintomi. Un'intera sezione del sito è dedicata alla “scoperta” della malattia. Vi si trovano informazioni su cosa sia L'AIDS e cosa voglia dire essere sieropositivo; su quali siano i sintomi dell'HIV e cosa fare per evitare di restare contagiati.

 

La campagna ministeriale contro l'AIDS

 

Una pagina della sezione Malattie Infettive, invece, aiuta ad approfondire il tema sotto il punto di vista medico: dai sintomi dell'HIV alle possibili terapie, dalla prevenzione alla diagnosi, gli internauti potranno accrescere la loro conoscenza sul tema. La pagina per l'assistenza ai malati da HIV e AIDS fornisce, invece, utili informazioni per chi vuole accedere alle cure e alle terapie sperimentali contro la sieropositività. Da non dimenticare, infine, le linee guida ministeriali.

Unicef

L'organizzazione per l'infanzia delle Nazioni Unite ha stilato un decalogo che aiuta a scoprire tutto ciò che c'è da sapere sul virus dell'HIV e sull'AIDS. Come si legge nelle prime righe, infatti, la forza di questa malattia sta nel velo d'ignoranza che da sempre l'avvolge: una campagna di informazione seria e puntuale è quindi necessaria per contrastare l'ulteriore diffusione della malattia.

Nel decalogo realizzato dall'UNICEF viene spiegato cos'è l'AIDS e cosa voglia dire essere sieropositivo, quali i sintomi dell'HIV e le differenze esistenti tra l'HIV e l'AIDS. Vengono spiegati i modi in cui la malattia può essere trasmessa, contagio sessuale in testa; la correlazione tra la malattia e l'uso di stupefacenti e a chi rivolgersi nel caso si scoprisse di essere stati contagiati.

Aiuto AIDS Svizzero

Sul sito aids.ch (con informazioni e notizie disponibili in italiano, tedesco e francese) si può trovare una ricchissima sezione dedicata ai sintomi dell'HIV e dell'AIDS. Viene spiegato dettagliatamente come può manifestarsi la malattia, quali stadi si attraversano nel corso dell'infezione e cosa fare nel caso in cui i sintomi dell'HIV dovessero manifestarsi, sia in forma lieve sia in forma acuta. Nelle altre sezioni, invece, si possono trovare informazioni generali sulla malattia e sul virus.

LILA

La Lega Italiana per la Lotta all'AIDS è da anni in prima linea per contrastare la diffusione della malattia. La LILA, che aderisce alla campagna Getting to zero per la sensibilizzazione della popolazione nei confronti dell'AIDS e dell'HIV, mette in campo una massiccia campagna informativa sui sintomi dell'HIV, su come si può restare contagiati, sul cosa fare e a chi rivolgersi una volta che si scopre di essere sieropositivi.

 

Un'immagine della campagna di sensibilizzazione LILA

 

Ampio spazio viene dedicato anche alle iniziative organizzate dalla Lega stessa per una sempre maggiore sensibilizzazione della popolazione sul tema.

Test HIV

Perché sapere salva la vita. Il sito curato dalla Fondazione Nadir ONLUS punta tutto sull'informazione e sull'importanza di effettuare con regolarità il test HIV. Come ripetuto in più occasioni, la scarsa informazione sull'argomento e la scoperta della malattia quando è ormai troppo tardi sono tra le maggiori cause della diffusione dell'AIDS e della mortalità da essa derivante.

Sul sito è possibile trovare tutte le informazioni sul test: da quando effettuarlo al tempo necessario per la risposta, dalle prime mosse da mettere in campo nel caso si scopra di essere sieropositivi alle strutture che effettuano con regolarità i test.

Osservatorio Malattie Rare

Sulle pagine dell'OMaR è possibile trovare notizie sempre aggiornate sullo stato dell'arte nel mondo della ricerca contro l'AIDS e l'HIV. Gli esperti dell'Osservatorio Malattie Rare raccolgono moltissimo materiale informativo sulla Rete (e non) e lo rielaborano per offrire a tutti gli internauti costanti aggiornamenti su nuove metodologie di cura e nuovi protocolli medici per arginare la sempre maggiore diffusione della malattia.

 

1 dicembre 2013

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb