login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Apple, Facebook e Google sfidano gli hacker con gli hacking contest

Gli hacking contest sono delle gare nelle quali gli hacker si sfidano a colpi di righe di codice per scoprire falle di sicurezza nei programmi più utilizzati. Ecco le più importanti al mondo organizzate da Google, Apple e Facebook

Un'immagine della Facebook Hacker Cup 2013, hacking contest organizzato dal social network di Mark Zuckerberg

 

Non tutto il male vien per nuocere. Così come non tutto l’hacking è fatto per procurare danni a sistemi informatici di mezzo mondo. Gli hacker, ad esempio, possono anche agire a “fin di bene”, aiutando le software house a scoprire bug e falle di sicurezza nei loro programmi. A volte capita che siano addirittura le grandi case produttrici di software a sfidare hacker ed esperti vari di sicurezza informatica a trovare falle nei loro programmi. In questo caso parliamo di hacking contest, vere e proprie competizioni nelle quale gli hacker si sfidano a colpi di righe di codice alla ricerca di zero-day exploit e altri bug informatici per assicurarsi i premi messi in palio dagli organizzatori (solitamente somme di denaro).

Il più famoso hacking contest a livello mondiale è il Pwn2own, gara che si tiene durante la conferenza CanSecWest Security Conference. L’evento viene sponsorizzato dai big dell’informatica (Google, Apple, Microsoft e Mozilla tra gli altri) e mette a dura prova le abilità dei partecipanti. Questi ultimi devono riuscire, nel corso dei tre giorni di gare, a bucare browser e smartphone molto diffusi sfruttando falle informatiche non ancora conosciute. Chiunque riesca a scovare gli exploit si aggiudica il montepremi messo in palio dalle stesse software house (lo scorso anno i premi hanno sfiorato il mezzo milione di dollari). Si tratta, comunque, di dollari ben spesi: Google e Mozilla, ad esempio, hanno risolto la falla di sicurezza sfruttata dagli hacker nel corso del Pwn2own di quest’anno nel giro di 24 ore, offrendo così ai loro utenti un prodotto molto più sicuro e stabile.

Il Pwn2own, comunque, non è l’unico hacking contest al mondo. Nel corso del CanSecWest, ad esempio, si tiene Pwnium hacking competition, manifestazione sponsorizzata da Big G per cercare falle nei prodotti sviluppati nella Sylicon Valley. La terza edizione, tenutasi a inizio marzo, era totalmente incentrata sul sistema operativo Google Chrome OS: chiunque fosse riuscito a trovare un zero-day exploit portava a casa la ragguardevole cifra di 3,14159 milioni di dollari (Pi greco fino alla quinta cifra decimale). Nessuno, però, è riuscito a scovare alcuna falla nel sistema operativo made in Mountain View, con somma gioia (doppia gioia, potremmo dire) dei vertici di Big G.

Per non essere da meno, Facebook ha dato il via alla Facebook Hacker Cup. Nel corso di questo hacking contest, gli sfidanti devono cercare di trovare e sfruttare falle nel social network più noto e utilizzato al mondo. Per il vincitore fama, gloria, la coppa e un assegno da 10.000 dollari.

 

3 maggio 2013

A cura di Cultur-e
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.