Uno tra i migliori strumenti per sapere dove ci si trova. Uno tra i più utilizzati per ottenere le indicazioni stradali per raggiungere una zona della città o una località turistica (non importa se in auto, con i mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta). Un ottimo strumento – e non sono molti gli internauti a saperlo – per gestire dati geografici (come coordinate, percorsi, punti di interesse e altro) e visualizzarli in formato grafico. Non è dunque un caso che Google Maps, servizio di cartografia digitale del gigante di Mountain View, conti milioni di utenti sia su piattaforma web – quindi accessibile grazie a un web browser – sia su piattaforma mobile – applicazione per Android e iOS.

Inutile dire che, nell'uno e nell'altro caso, l'utente avrà a disposizione moltissime alternative.

Le alternative a Google Maps per gestire le mappe

La gestione delle mappe personalizzate – soprattutto a livello commerciale e professionistico – è affidato a Google Maps Engine, strumento che permette agli utenti di aggiungere punti di interesse, delimitare aree, calcolare distanze, realizzare percorsi, combinare i dati geografici con quelli statistici e molto altro ancora. Però, per concentrarsi su altre funzionalità, Google ha deciso di chiudere il servizio a partire dal 29 gennaio 2016: tutte le mappe e le cartografie personalizzate saranno cancellate una volta per tutte e non sarà più possibile accedervi. L'unica opzione, dunque, è scaricare i dati dalla piattaforma di Big G e importarli su altri servizi di cartografia digitale. Ecco i migliori disponibili online.

 

ArcGIS online

 

  • ArcGIS Online. Se si è alla ricerca di un prodotto che possa sostituire alla perfezione Google Maps Engine allora si deve concedere quanto meno un'opportunità ad ArcGIS Online. Esattamente come lo strumento cartografico di Big G, anche ArcGIS Online permentte di realizzare mappe personalizzate, aggiungendo punti di interesse, tracciati e utilizzare la cartografia mondiale per mostrare dati e informazioni statistiche. Sfruttando gli strumenti e i database statistici di ESRI, inoltre, saàr possibile realizzare da zero mappe precise e con informazioni sempre aggiornate

 

CartoDB

 

  • CartoDB. Se, invece, si volesse uno strumento cartografico digitale che permettesse di effettuare un trasloco il più possibile soft, CartoDB è un'ottima alternativa al servizio di Google. Come mostrato anche nel blog della casa sviluppatrice statunitense, i punti di contatto tra i due servizi sono molteplici, così da favorire il passaggio dall'uno all'altro nel giro di poche settimane. Importare i dati sarà estremamente semplice, così come scegliere il rendering grafico più adatto alle proprie necessità e realizzare delle mappe aggiornate e stilisticamente perfette

 

Mapbox

 

  • Mapbox. Open source, scalabile e facile da utilizzare, Mapbox è un'altra valida alternativa a Google Maps Engine per la creazione di mappe personalizzate e belle da vedere. Pur non offrendo all'utente tutte le funzionalità dello strumento di Google, Mapbox può essere utilizzato in tutte quelle occasioni in cui non si ha molto tempo a disposizione, ma si vogliono realizzare delle cartine o delle mappe dal grande appeal grafico

Le migliori alternative a Google Maps

Come detto in precedenza, Googlemaps è anche uno dei portali di cartografia più utilizzati nel caso in cui si voglia conoscere tutto dei dintorni o se si vogliono conoscere le indicazioni per raggiungere una piazza della città che si sta visitando o la strada più breve per arrivare in tempo all'appuntamento di lavoro. Non tutti, però, apprezzano l'onnipresenza dei servizi Google (Googlemaps incluso) e preferiscono affidarsi a servizi alternativi ma ugualmente validi.

 

Bing Maps

 

  • Bing Maps. Probabilmente si tratta della migliore alternativa a Google Maps e, soprattutto, del suo più acerrimo rivale dal punto di vista delle funzionalità e degli strumenti a disposizione degli utenti. Accedendo a Bing Maps, legato a doppio filo con il motore di ricerca di Microsoft, si potrà esplorare il mondo palmo a palmo direttamente dalla propria scrivania e, grazie alla modalità di visualizzazione Bird's Eye (traducibile con Vista d'uccello) si potrà avere una vista tridimensionale dall'alto delle maggiori città al mondo

 

Here

 

  • Here. Al centro di un intrigo economico-finanziario (diverse società o gruppi di acquisto interessati a entrarne in possesso), Here è il servizio di cartografia digitale sviluppato da Nokia e disponibile in varie versioni sia sul web (accessibile da browser) sia su piattaforma mobile (Android, iOS e Windows Phone). Così come accade con Google Maps, anche con Here sarà possibile effettuare ricerche geolocalizzate, conoscere la situazione del traffico in tempo reale e realizzare delle mappe personalizzate con punti di interesse e molto altro

 

Wikimapia

 

  • Wikimapia. Sfrutta le mappe di Google, ma grazie all'integrazione con Wikipedia è in grado di fornire informazioni di ogni tipo su ogni città, quartiere o strada del mondo. Wikimapia, realizzata dalla stessa fondazione no-profit che cura l'enciclopedia libera, permette non solo di cercare località e percorsi, ma anche tutte le informazioni enciclopediche disponibili nel database Wikipedia. Cliccando sulle parti evidenziate in giallo – strade, quartieri, città o singoli punti di interesse – si accede alla relativa sezione dell'enciclopedia libera in visualizzazione affiancata

 

Waze

 

  • Waze. Legato all'omonima app per smartphone e tablet, il portale web di Waze permette di accedere non solo a un servizio di cartografia professionale, ma anche a tutte le informazioni sul traffico aggiornate in tempo reale dalla community di Waze. Così, nel caso in cui si dovesse partire per un lungo viaggio, una visita su Waze toglierà ogni dubbio su quale sia il percorso più veloce da seguire

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb