Negli anni passati, complice una diffusione sempre più massiccia, è capitato che Twitter divenisse il mezzo di comunicazione principale in caso di disastri naturali. Che si trattasse di un terremoto, di un'inondazione o di un tifone, il social network dei cinguettii è stato utilizzato per lanciare allarmi, segnalare emergenze ed aggiornare sullo stato della situazione. Insomma, un servizio informativo globale, che in alcuni casi ha preceduto (ed ha funzionato meglio) dei cosiddetti canali ufficiali.

Fino ad oggi, però, il carico informativo poggiava quasi esclusivamente sugli utenti che, auto-organizzandosi e auto-gestendosi, riuscivano ugualmente a convogliare informazioni preziose in caso di emergenza. Tutto era affidato ad hashtag e altre parole chiave, e gli utenti interessati dovevano spulciare la loro timeline nella speranza di trovare qualche notizia interessante. Twitter ha quindi deciso di “istituzionalizzare” questo processo, creando una nuova funzione denominata Twitter Alerts.

Cosa sono i Twitter Alerts

Twitter aveva già sperimentato una funzione simile nel corso di altre emergenze e disastri, come il devastante terremoto che colpì il Giappone nel 2011 o il passaggio dell'uragano Sandy a New York nel 2012. In caso di un'emergenza internazionale – come il tifone Haiyan che ha recentemente devastato le Filippine – gli utenti che hanno aderito al servizio riceveranno degli avvisi sotto varia forma: un sms, un tweet sulla timeline riconoscibili da una piccola icona color arancione o una notifica push sul proprio smartphone.

 

Twitter Alerts

 

In questo modo si potrà evitare che il numero delle vittime delle catastrofi cresca per “imperizia” e mala gestione delle emergenze, dando informazioni utili e guidando i cittadini verso punti ritenuti sicuri.

Come attivare i Twitter Alerts

Attivare gli Alerts per il proprio account Twitter è molto semplice. Basta aggiungere la stringa “/alerts” all'URL dell'organizzazione aderente all'iniziativa e sottoscrivere gli aggiornamenti in caso di emergenza. Nel caso della Croce Rossa statunitense, ad esempio, bisognerà collegarsi all'URL www.twitter.com/redcross/alerts e attivare gli avvisi su eventuali catastrofi o stati di emergenza.

 

Attivare Twitter Alerts

 

Nel caso in cui si utilizzi lo smartphone, gli alerts potranno essere visualizzati nello stream della timeline, essere ricevuti come messaggi di testo o come notifiche push. In questo ultimo caso, sull'iPhone deve essere installata l'applicazione Twitter per iPhone 5.1.0, mentre gli smartphone Android dovranno avere almeno la versione 4.1.6 dell'app Twitter per Android.

Le organizzazioni presenti su Twitter Alerts

Naturalmente, gli avvisi possono essere diramati solamente da alcune organizzazioni, governative e non, riconosciute e autorizzate da Twitter stessa. Onde evitare di creare falsi allarmismi, Twitter raccomanda di utilizzare il servizio solo in caso di estrema necessità.

 

Twitter Alerts

 

In questa prima fase, la maggior parte delle organizzazioni e associazioni umanitarie abilitate a diramare gli avvisi sono statunitensi. Oltre alle agenzie federali del Governo di Washington, ci sono le varie agenzie e dipartimenti di sicurezza di diverse decine di Stati degli USA (i pompieri di New York, la Croce Rossa di San Francisco, il Dipartimento per la gestione delle emergenze della Florida, ecc.) e alcune organizzazioni regionali. Anche il Giappone e la Corea sono presenti con alcune organizzazioni governative, mentre sono completamente assenti (al momento) gli Stati europei. Tra le organizzazioni sovranazionali, infine, troviamo l'OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), l'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli affari umanitari e il Comitato per la protezione dei giornalisti.

La lista completa di tutte le organizzazioni statali, sovrastatali e non governative autorizzate a diramare i Twitter Alerts (con relativo link per sottoscrivere gli avvisi) si trova a questo indirizzo.

 

14 novembre 2013

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb