login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Cos'è e come funziona Trusted Family

Riservato a una clientela esclusiva, permette a famiglie di industriali di restare in contatto, condividere documenti importanti e organizzare riunioni

Affari di famiglia

Non ci sono solo Facebook, Twitter, Instagram, Snapchat, Pinterest o Google+. L'universo dei social network è molto più ampio e complesso di quanto possa apparire a una prima, fugace, occhiata. Ci sono le reti sociali geografiche, ad esempio, il cui "raggio d'azione" è limitato a una o due nazioni al massimo (si pensi, ad esempio, a vKontakte, social per russofoni); oppure quelle tematiche, come LinkedIn.

E poi ci sono i social network "privati", il cui accesso è limitato a una specifica categoria di persone. In questo caso, uno degli esempi più noti – se non il più noto in assoluto – è quello di Trusted Family. Questa rete sociale, però più simile a un club esclusivo online che a un social à là Facebook, riserva le iscrizioni – e le interazioni – ai membri di famiglie molto particolari: quelle che possiedono e dirigono un'azienda di medio-grandi dimensioni. L'appartenenza "dinastica", però, è condizione necessaria ma non sufficiente per entrare a far parte del club di Trusted Family: anche il conto in banca, infatti, gioca un ruolo a dir poco fondamentale. Vediamo perché.

 

 

Che cos'è Trusted Family

Nato dalla mente di Edouard Janssen, membro della famiglia che controlla il gruppo Solvay, ed Edouard Thijssen, appartenente alla famiglia proprietaria di Aliaxis, Trusted Family è a metà tra una piattaforma di servizi per aziende di medio-grandi dimensioni e una rete sociale dove chiacchierare, scambiare opinioni e prendere decisioni. Un social, come già accennato, molto particolare: per potersi iscrivere, bisogna appartenere a una famiglia di industriali (o, comunque, far parte del board e del consiglio di amministrazione dell'azienda) con un giro d'affari di almeno 1 miliardo di dollari.

Ovviamente, anche i servizi offerti da Trusted Family sono tarati alla perfezione sulla tipologia di utenza cui si rivolge. Alle chat e alle bacheche tipiche delle altre piattaforme social si sostituiscono strumenti per la condivisione di documenti, per la convocazione di riunioni e quant'altro sia necessario per ottimizzare e snellire i processi formali e organizzativi interni all'azienda.

Come funziona Trusted Family

Le differenze tra Trusted Family e le altre reti sociali conosciute da tutti i "comuni mortali" non si limitano agli strumenti e funzionalità offerte agli iscritti. Il social per i ricconi, infatti, è personalizzabile e adattabile alle esigenze dell'azienda che decide di iscriversi e, soprattutto, offre un livello di privacy e difesa dei dati superiore a qualunque altra piattaforma. La rete sociale ideata dai due ereditieri belgi è completamente scalabile, così da "ritagliarsi" alla perfezione sulle esigenze dei singoli iscritti: ognuno può scegliere quali moduli aggiungere o eliminare, per avere una piattaforma sempre utile e funzionale.

 

 

L'iscrizione a Trusted Family non avviene da parte dei singoli membri, ma è la famiglia/gruppo industriale che chiede di poter accedere ai servizi pagando un abbonamento annuale di un migliaio di euro circa. A quel punto, grazie anche al supporto dei tecnici del social network belga, si scelgono i vari pacchetti e si realizza una piattaforma "a immagine e somiglianza" dell'azienda. Qui gli appartenenti alla famiglia potranno scambiare qualche parola (virtuale, ovviamente), condividere impressioni e documenti da analizzare, convocare riunioni, consigli d'amministrazione e quant'altro sia necessario alla vita della società. L'amministratore potrà decidere, inoltre, di formare dei gruppi più ristretti – quello relativo ai soli membri familiari, ad esempio, o ancora quello dei membri del consiglio d'amministrazione e così via – in modo che si possano condividere comunicazioni e documenti differenti a seconda di chi sono gli interlocutori.

Insomma, Trusted Family somiglia a una sorta di "faccendiere" virtuale con il compito di serrare le fila societarie e permettere a tutti di comunicare liberamente, anche a centinaia o migliaia di chilometri di distanza.

Servizi Trusted Family

Una volta iscritti, gli utenti di questo social esclusivo potranno decidere come articolare l'accesso ai vari servizi di cui si ha bisogno. Trusted Family, ad esempio, consente di archiviare, organizzare e condividere file e documenti relativi alla gestione dell'azienda, rendendoli disponibili a tutti o solo a un sottogruppo del proprio ambito aziendale/familiare. Si potranno inviare delle comunicazioni a tutti gli iscritti e stimolare così la discussione sull'andamento societario e tenere nota di tutti gli interventi. Si potranno creare, come già detto, diversi sotto gruppi, all'interno dei quali creare sondaggi, scrivere messaggi e condividere documenti accessibili a una ristretta cerchia familiare o alle persone che fanno parte del board di gestione dell'azienda. Grazie alla possibilità di creare degli eventi, inoltre, sarà possibile organizzare riunioni e incontri di ogni genere e avere la certezza che tutti abbiano ricevuto l'invito e siano a conoscenza degli appuntamenti imminenti.

A cura di Cultur-e
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Instagram
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.