L'innovazione e la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione è uno dei punti fondanti l'Agenda Digitale italiana. Sin dal giorno del suo insediamento Alessandra Poggiani, Direttore dell'Agenda Digitale del nostro Paese, sta vagliando e sviluppando progetti che aiutino a ridurre il gap generazionale digitale, il digital divide (sociale, economico ed anagrafico) e, soprattutto, che rendano più smart la Pubblica Amministrazione italiana.

Il progetto POLIS (acronimo di Presentazione OnLine delle Istanze) ne è un esempio. Fortemente voluto dal ministero della Pubblica Amministrazione, il progetto si concretizza nel portale Istanze Online del Miur (ministero Istruzione, Università e Ricerca), strumento a disposizione dei cittadini per facilitare la comunicazione con gli uffici del Miur e con la PA in generale.

Perché Istanze Online

Il Codice dell'Amministrazione Digitale (spesso e volentieri abbreviato in Cad) prevede che i cittadini abbiano il diritto ad interagire con la Pubblica Amministrazione utilizzando gli strumenti offerti dalle tecnologie ICT in alternativa alle modalità tradizionali (moduli cartacei, timbri, inchiostro e altro). Il progetto POLIS, di cui Istanze Online è emanazione diretta, nasce esattamente con questo scopo: dare la possibilità a chiunque voglia di interagire con la PA attraverso i canali digitali del web. Si tratta, dunque, di un primo passo mosso in questa direzione dal ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, capace di rappresentare una nuova modalità di presentazione delle domande connesse ai principali procedimenti amministrativi.

 

Computer

 

Cos'è Istanze Online

Nello specifico, Istanze Online è un portale web che permette al personale della scuola (o chiunque aspiri a lavorare nel mondo dell'istruzione) di presentare tutte quelle istanze che, sino a qualche anno fa, potevano essere presentate solo in forma cartacea. Istanze Online può essere utilizzato per chiedere il trasferimento in un altro istituto o in un'altra Provincia; per fare domanda di pensionamento; per rispondere a bandi e presentare candidature in caso di concorsi. Gli utenti iscritti potranno presentare documenti e moduli direttamente al Miur tramite Istanze Online, in modo gratuito e senza la necessità di passare attraverso “intermediari”. Un modo per snellire i procedimenti amministrativi e ridurre la distanza esistente tra uffici della Pubblica Amministrazione e i cittadini.

Come funziona Istanze Online

Per poter accedere ai servizi del Miur di Istanze Online e alla ricchissima sezione informativa, sarà necessario iscriversi al portale e accertare la propria identità. Dopo aver superato questo primo “scoglio burocratico”, l'utente sarà libero di accedere al portale del Miur in maniera autonoma, utilizzando un qualunque dispositivo connesso alla Rete.

 

Istanze Online

 

Per iscriversi al servizio Miur Istanze Online sarà necessario possedere un indirizzo di posta elettronica istituzionale (per personale già dipendente a tempo indeterminato e determinato) o privato (nel caso in cui non si sia mai lavorato in ambito scolastico). Serviranno, inoltre, un documento di riconoscimento e la tessera sanitaria (o codice fiscale). Una volta conclusa la procedura di registrazione online, il portale assegnerà un codice personale temporaneo, necessario per effettuare i primi passi all'interno del portale. Successivamente si dovrà procedere con il riconoscimento in presenza, così come previsto dal Cad. Ci si dovrà presentare presso la segreteria scolastica di una qualsiasi scuola con il modulo di conferma della registrazione ricevuto via mail e il documento di riconoscimento utilizzato in fase di registrazione: questo passaggio permette di verificare l'identità del richiedente e abilitare l'account creato. Al primo accesso sarà chiesto di modificare il codice personale: completata questa operazione si avrà pieno accesso a tutte le funzionalità e gli strumenti di Istanze Online.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb