Una norma introdotta dal Governo impone, a partire dal 1 luglio 2014, ai commercianti e agli studi professionali di accettare il pagamento con bancomat nel caso in cui l’importo dovesse essere superiore ai 30 euro. La decisione dovrebbe favorire l'adozione dei POS da parte di migliaia di studi professionali e punti commerciali in tutta Italia e spingere i cittadini a utilizzare la moneta elettronica anziché quella cartacea.

Nonostante le resistenze di molti (di ordine psicologico più che pratico, secondo alcuni esperti), il pagamento con bancomat offre diversi vantaggi rispetto al contante. Ecco alcuni dei motivi per i quali è sempre preferibile utilizzare la moneta elettronica anziché quella cartacea.

Sicurezza

Una carta bancomat offre diversi livelli di sicurezza. Primo fra tutti, la possibilità di non dover portare con sé denaro contante riducendo, in una qualche maniera, i rischi derivanti da furti o smarrimento del portafogli. Nel caso in cui si resti vittima di un furto, infatti, il denaro in contanti sarà inevitabilmente perso, mentre sarà sufficiente effettuare una chiamata alla propria banca per bloccare il bancomat e impedirne l'utilizzo da parte del malfattore.

 

POS

 

L'erogazione del denaro o il pagamento presso qualunque esercente tramite POS, poi, è subordinata all'inserimento del codice PIN della carta: solo chi conosce il codice personale potrà usufruire dei servizi della carta.

Monitoraggio

A differenza della moneta contante, un bancomat permette di tenere sotto controllo le proprie spese e monitorarne l'andamento giorno dopo giorno. La possibilità di poter consultare il saldo ogni volta che si vuole attraverso l’estratto conto (via web o agli sportelli) offre la possibilità di tracciare le proprie spese.

Offerta

A differenza del contante (che ha altissimi costi di gestione per il sistema bancario centrale), l'utente può scegliere il bancomat che meglio si adatti alle proprie esigenze. La gran parte degli istituti di credito, infatti, offrono differenti tipologie di carta, capaci di rispondere alle necessità di clienti caratterizzati da profili di spesa e di utilizzo differenti.

 

Bancomat

 

In questo modo, ad esempio, si potrà scegliere una carta che permette il pagamento di prodotti online o una carta che non applica costi di commissione per il prelievo da sportelli di istituti differenti rispetto a quello di emissione.

In viaggio

Nel caso in cui si viaggi in un Paese non appartenente all'area euro, non è più necessario presentarsi con giorni o settimane di anticipo presso uno sportello bancario o un cambia valute. Il bancomat (se previsto dal contratto) o la carta di credito possono essere utilizzati per i prelievi di denaro anche all'estero o per pagamenti con il POS.

Acquisti online

 

POS

 

Alcune carte bancomat, inoltre, permettono ai propri clienti di effettuare pagamenti online per il loro shopping virtuale. Oltre alla comodità di poter pagare quando si vuole, ovunque ci si trovi, i pagamenti con moneta elettronica garantiscono agli acquirenti online elevati standard di sicurezza: la carta offre una sorta di assicurazione sugli acquisti, cui si può far ricorso nel caso si resti vittima di una truffa o nel caso in cui il prodotto ricevuto non corrisponde con il prodotto originariamente acquistato.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb