Il termine “Internet” viene giornalmente utilizzato dalla quasi totalità delle persone, ma nonostante questo, pochi riescono a dargli un significato concreto, anzi molte volte risulta piuttosto vago. Molte volte Internet viene associato ad uno o più Social Network o in altre occasioni direttamente a Google, in quanto motore di ricerca e pagina iniziale dei browser (il programma/applicativo che permette la navigazione come ad esempio Chrome, Safari o Firefox).

In realtà Internet non è assolutamente solo Facebook/Instagram/TikTok o Google, non è un server o un punto unico che distribuisce i contenuti.

La sua vera traduzione concreta è quella di essere l’unione di molteplici reti, o comunque a volte capita di leggerne “la rete delle reti”.

Quindi i primi punti chiari per iniziare a rispondere alle domande iniziali sono che:

  • Internet è una realtà decentralizzata;
  • è l’unione di più reti.

Andando per passi quindi abbiamo capito che non esiste una organizzazione/ente/società che detiene Internet, ma resta da inquadrare meglio questa unione, questa “rete della reti”.

Com'è organizzata la rete Internet

Qualunque sia il Service Provider (il "fornitore di servizio" Internet) con cui vi state attualmente collegando, sicuramente non tutte le pagine che avete visitato sono ospitate all’interno della sua rete, per capire quindi il meccanismo bisogna introdurre ulteriori concetti quali la categoria dei Service Provider e il protocollo BGP che è alla base del funzionamento di scambio di informazioni tra differenti Provider.

Internet Service Provider

teguhjatipras / iStock via Getty Images

Gli Internet Service Provider si dividono principalmente in 3 categorie:

  • ISP di Tier 1: Sono quei provider che comunicano direttamente con ogni altra rete. Ne esistono circa 15 in tutto il mondo.
  • ISP di Tier 2: Sono invece quei provider che comunicano con alcune reti, ma devono acquistare in transito presso un Tier 1 per raggiungere la totalità delle reti.
  • ISP di Tier 3: Sono quei provider che acquistano il diritto di transito a Tier2/Tier1 per raggiungere la totalità delle reti.

Qualunque sia la sua categorizzazione (Tier 1, Tier 2 o Tier 3), ogni provider per l’interconnessione verso le altre reti utilizzerà alcuni router dedicati che faranno da gateway verso l’esterno e contemporaneamente annunceranno le reti pubbliche dei clienti che hanno i collegamenti all’interno del Service Provider. Questi gateway router utilizzeranno il protocollo BGP per scambiarsi le informazioni.

Schema connettività Internet

Schema connettività Internet

Ludovic.ferre, CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons

Oltre agli Internet Service Provider, esistono dei centri di “scambio” delle reti chiamati Internet Exchange Provider (IXP). Se solitamente le interconnessioni tra Tier sono puntuali, quindi nell’immagine di esempio l’ISP rosa acquista il transito attraverso due Tier di tipologia 2, partecipare ad un IXP permette ai provider di collegarsi con più ISP di “pari livello” in modo multiplo.

A cosa serve questo interconnettere ISP e soprattutto, come facciamo a raggiungere il nostro amatissimo server americano dal nostro PC in Italia?
Qui entra in gioco il protocollo BGP (Border Gateway Provider), il quale viene implementato sui router di “frontiera”, quelli cioè che vedono all’esterno di un ISP e che si interconnettono con i loro corrispettivi degli altri ISP.

Il BGP è un protocollo di routing, in particolare di tipologia distance vector utilizzato per consentire lo scambio di informazioni tra vari Autonomous System (AS), ed è stato standardizzato tramite l’RFC 1771 nel marzo del 1995. Il termine Autonomous System viene anch’esso standardizzato come: "an AS is a connected group of one or more IP prefixes run by one or more network operators which has a SINGLE and CLEARLY DEFINED routing policy".

Quindi per AS si intende l’insieme di uno o più prefissi IP (che formano una o più reti) sotto il controllo della stessa organizzazione.

Ogni Internet Service Provider detiene e gestisce almeno un AS. All’interno di tale sistema il routing viene definito con altre logiche e sistemi dei protocolli IGP (Interior Gateway Protocol), come OSPF o IS-IS, mentre all’esterno, tra AS/ISP, la comunicazione avviene tramite il protocollo BGP.

Immaginando di essere un cliente finale che ha servizi con l’ISP rosa di categoria Tier3 (in riferimento all'immagine "Schema connettività Internet" di cui sopra), quando contattiamo il server americano, che ipoteticamente è servito dall’ISP celeste, andiamo a richiedere al nostro Internet Provider di raggiungere la destinazione finale che lui conosce grazie all’aver acquisito le informazioni/rotte IP tramite protocollo BGP da tutti gli ISP con cui è a contatto. Il nostro provider quindi si è costruito una mappa, un elenco di tutti i prefissi e riesce a sapere dove inviare la nostra richiesta affinché raggiunga la corretta destinazione.

Quant'è grande Internet

Quant'è grande Internet

 pictafolio / E+ via Getty Image

Lascio alla fine una piccola curiosità, per tentar di spiegare quanto sia “grande” Internet.

Dovremmo ormai aver individuato che Internet è l’unione di varie reti e che queste sono gestite da diversi Autonomous System “proprietari” che comunicano al mondo le proprie subnet IP. Ma quanti sono le reti che circolano tra gli AS/ISP?

Riuscire ad esprimere un numero esatto è difficile, anche per la dinamicità dell’unione di Internet ma sul portale http://bgp.potaroo.net/, manutenuto da Geoff Huston (mini biografia al sito https://www.internethalloffame.org/inductees/geoff-huston) , riusciamo ad avere una buona indicazione a livello di ordine di grandezza.
L’immagine presente sul portale rappresenta la crescita della FIRT (Full Internet Routing Table), cioè l’unione di tutte le subnet IP scambiate attraverso il BGP tra i vari ISP. Com’è possibile notare abbiamo ormai superato la soglia di 900.000 reti.

Abbiamo quindi toccato tutti i principali concetti, per poter rispondere alla domanda iniziale, e unito i vari punti che ci fanno arrivare alla risposta preannunciata inizialmente: Internet è la “rete delle reti”.

Scritto da:
Claudio Marzuolo
Technical Customer Support Coordinator
https://www.linkedin.com/in/claudio-marzuolo-65549948/
Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb