Sei tornato, sei tornata dalle ferie da ormai parecchie settimane e le hai già quasi dimenticate? Hai fatto un sacco di foto e video che vorresti rivedere quest'inverno per tornare coi ricordi ai bei momenti trascorsi in pace e relax?

Se un carosello di foto con immagini che si muovono dinamicamente legato ad una base musicale è quello che desideri, è sufficiente utilizzare le app che sono spesso preinstallate sui cellulari. Se preferisci utilizzare il PC è possibile utilizzare programmi come Microsoft Foto che permette di realizzare video in modo molto semplice ed intuitivo.

Se invece, hai voglia di tirare fuori la creatività che è in te e vuoi cimentarti nel montaggio video, questo articolo potrebbe darti qualche idea che ti permetterà di iniziare il tuo percorso da film-maker.

Se hai il timore che il montaggio video sia molto dispendioso e che i programmi che ti permettano di creare i video di qualità costino molto, di seguito scoprirai che ci sono alternative gratuite che ti offriranno la possibilità di creare opere di ottima fattura.
Questo articolo non entra nel dettaglio dei singoli programmi di editing, ma vuole essere uno spunto per aiutarti a scegliere il programma che fa per te.

Creare un video con le foto delle vacanze.

ijeab / iStock via Getty Images Plus

È importante sapere che i programmi che permettono di editare video hanno spesso bisogno di requisiti minimi di sistema abbastanza elevati per poter funzionare correttamente. In passato sarebbe stato più complicato, ma oggi, se hai un buon pc non troppo datato, è possibile che già li soddisfi.
I programmi di montaggio video gratuiti, al momento sono tanti.
Tutti permettono di tagliare e montare assieme diverse clip, di aggiungere una colonna sonora al tuo filmato, di salvare in diversi formati. La maggior parte permette di aggiungere titoli, transizioni e dissolvenze. I più performanti permettono anche di agire su audio e colori per migliorarli.

Elenco di seguito i principali, ma senza entrare nei dettagli:

  • Avidemux (disponibile per Windows, macOS e Linux)
  • Clipify (disponibile per Windows)
  • DaVinci Resolve (disponibile per Windows, macOS e Linux)
  • Filmora (disponibile per Windows e macOS)
  • Foto (disponibile per macOS) 
  • Free Video Joiner (disponibile per Windows)
  • HitFilm Express (disponibile per Windows e macOS)
  • iMovie (disponibile per macOS)
  • Lightworks (disponibile per Windows, macOS e Linux)
  • Microsoft Clipchamp (disponibile per Windows)
  • OpenShot (disponibile per Windows, macOS e Linux)
  • Shotcut (disponibile per Windows, macOS e Linux)

Se avessi molto tempo a disposizione, potresti provarli tutti e scegliere qual è il migliore per te. Vivendo però in una società dove il tempo libero non è mai abbastanza, quest’approccio spesso non è percorribile. Il mio suggerimento per scegliere quello che più si adatta alle tue esigenze è seguire i seguenti passi.

Come scegliere il miglior programma gratuito di video editing.

Pomphotomine / iStock via Getty Images Plus

 

Verifica i requisiti di sistema

Controlla le caratteristiche del tuo computer. Verifica che sistema operativo, quanta RAM, che scheda video e che processore sono presenti sul tuo PC. Questo primo check ti permetterà di delineare i limiti entro cui scegliere il nuovo video editor.

Informati sui diversi software

È importante leggere le recensioni e le descrizioni dei diversi software: da queste potrai capire i requisiti minimi dei programmi e potrai fare una prima scrematura di quelli che possono funzionare sul tuo computer. Inoltre, ti farai un’idea di quali sono le principali caratteristiche. Probabilmente dopo questa fase non avrai le idee completamente chiare, molti software sembra facciano le stesse cose. Sicuramente ne scarterai alcuni, ad esempio perché troppo semplici o, al contrario, perché troppo complessi, perché impongono la filigrana con il proprio logo sul video creato o per diverse altre ragioni.

Guarda brevi tutorial

Dopo aver capito le principali funzionalità dei software, potrebbe essere utile guardare qualche breve tutorial che ti mostri com’è fatta l’interfaccia e che ti faccia vedere come utilizzare i principali comandi. Ci sono tutorial da pochi minuti che introducono o recensiscono i software oppure puoi guardare porzioni di quelli più dettagliati ma senza perdere troppo tempo in questa fase. Hai solo bisogno di capire come si presenta il programma e di farti un'idea di massima di come funziona.
A questo punto avrai sicuramente individuato due o tre programmi che ti sembrano meglio degli altri, ad esempio perché ti piace come si presentano esteticamente, per come viene gestita la time line oppure per come si importano ed esportano le clip ed i video.

Approfondisci

Se vuoi, una volta ristretto il campo, puoi approfondire gli aspetti che ti interessano di questo numero ridotto di programmi guardando qualche tutorial di dettaglio. Ti consiglio di confrontare tramite i tutorial gli aspetti che più ti interessano: ad esempio come gestire i tagli, come inserire titoli o effetti speciali.

Prova il software

Arrivato fin qui, potresti aver ridotto ulteriormente il numero di alternative, ma ti rimane ancora il dubbio tra un paio di opzioni. È giunto il momento di scaricare e provare i software che hai selezionato.

Consigli per scegliere il programma di video editing gratuito.

Mariia Sapunova / iStock via Getty Images Plus

 

Scegli

Una volta provati, ci sarà qualche caratteristica da cui capirai quale fa al caso tuo. Spesso si tratta di piccoli dettagli che ti permetteranno di utilizzare con più agio il programma, ma questi piccoli dettagli faranno la differenza e ti permetteranno di dire che quello sarà il "tuo" video editor.

Punto d’attenzione

Come punto d’attenzione, per evitare di scaricare virus o malware assieme all’applicativo, segnalo di controllare sempre dove è disponibile e da dove è scaricabile il software. È preferibile effettuare il download del programma dal sito ufficiale del produttore. Cerca inoltre di capire quale sia l’interesse del produttore o del distributore nel rendere gratuito il software: in genere si fa provare all’utente una versione gratuita nella speranza che questo acquisti la versione a pagamento che di solito ha più funzionalità, a volte si fa a scopo promozionale, in alcuni casi possono essere raccolti dati al fine di vendere/proporre altri prodotti oppure per indagini di mercato. Sono fini leciti ma l’importante è esserne consapevoli. Diffida se non riesci a capire quale scopo ha il distributore nel rendere gratuito un software, potresti scaricare una versione del prodotto non "genuina".

Scritto da:
Alberto D’Oronzio
Project Manager Professional
Mi affascina la tecnologia perché mi permette di avere un'idea di come sarà il futuro, adoro viaggiare perché mi permette di scoprire il mondo che mi circonda, mi piace imparare qualcosa di nuovo ogni giorno perché mi permette di avere più punti di vista e di trovare soluzioni più efficaci.
Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb