Un imprenditore su due approva la digitalizzazione della Pa

Un imprenditore su due approva la digitalizzazione della Pa

A rivelarlo un sondaggio della Cna su un campione di 3mila imprese
Un imprenditore su due approva la digitalizzazione della Pa FASTWEB S.p.A.

Quasi un imprenditore su due approva la svolta digitale della Pubblica amministrazione ma ritiene che ancora non basti. A dirlo un sondaggio della Cna su un campione di 3mila imprese rappresentativo di artigiani e piccole imprese, che conferma il forte interesse per l'Agenda digitale in quanto potrebbe produrre benefici stimati in circa 70 miliardi di euro, di cui 25 a vantaggio delle Pmi.

I numeri della digitalizzazione

Nel 2014 è aumentato in modo significativo anche il livello di digitalizzazione delle imprese italiane: il 98,2% dispone di una connessione Internet (+1,4% sul 2013), il 69,2% ha un sito web (+1,9%), il 31,8% utilizza un social (+7,1%).

Secondo il sondaggio il 3,9% degli interpellati è molto soddisfatto del livello di informatizzazione pubblico e il 43,5% ritiene possibile miglioramenti; il 53% lo giudica ancora inadeguato e difficilmente accessibile, come testimoniato dal numero ridotto di pratiche burocratiche online: solo il 29% riesce a sbrigare oltre la metà delle sue pratiche per via telematica. Colpa anche della struttura dei siti: a fronte del 59,1% che la ritiene buona o migliorabile, il 40,9% la giudica inadeguata.   

17 febbraio 2015

La Redazione
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail