Fastweb

Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, cos'Ŕ e vantaggi

Carta del docente Agenda Digitale #spid #carta del docente Come avere e come spendere la Carta del Docente Il bonus cultura docente mette a disposizone 500 euro da spendere in formazione professionale e personale degli insegnanti di ruolo di ogni ordine e grado
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, cos'Ŕ e vantaggi FASTWEB S.p.A.
Anagrafe digitale
Agenda Digitale
Anche se un po' a rilento, il progetto dell'anagrafe unica digitale sembra ormai essere avviato verso una positiva conclusione

Le prime previsioni, probabilmente, erano state un po' troppo ottimistiche. Era il 2013 e si riteneva, che da lì a un anno, l'anagrafe unica digitale sarebbe stata completata e pronta per essere utilizzata. Invece, nel 2014 (novembre 2014, a voler essere precisi) è arrivato "solamente" il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (il DPCM n. 194 del 10 novembre 2014) con il quale si stabiliva una sorta di tabella di marcia e le modalità operative per l'attivazione di questa ulteriore tessera dell'Agenda Digitale italiana.

A tre anni esatti dall'approvazione del decreto ministeriale (giorno più, giorno meno), l'anagrafe unica digitale (o Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, come è stata successivamente ribattezzata) resta un progetto molto interessante ma in una fase embrionale di sviluppo. Le operazioni per il subentro (il passaggio dai sistemi di gestione "particolare" utilizzati dalle varie amministrazioni locali al sistema unico nazionale) vanno a rilento e, sinora, sono solo quattro i comuni che hanno inserito i dati dei cittadini all'interno del database nazionale. È vero, tra i 200 che stanno testando i sistemi troviamo alcuni dei maggiori comuni italiani, ma ora sarà necessario rispettare a pieno le nuove tabelle di marcia.

 

I cittadini potranno consultare i propri dati grazie allo SPID

 

Secondo quanto stabilito dal Commissario Diego Piacentini, tutti gli 8.000 comuni italiani dovranno completare le operazioni per il subentro non oltre il 31 dicembre 2018. Questa la nuova data limite che è stata stabilita per l'attivazione definitiva dell'ANPR: un ulteriore ritardo, infatti, andrebbe a rallentare la tabella di marcia che ci si è dati con altri obiettivi dell'Agenda Digitale italiana, primo tra tutti quello dell'adozione della carta d'identità elettronica.

Che cos'è l'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

L'anagrafe unica digitale è un'unica banca dati nazionale all'interno della quale confluiscono tutte le informazioni anagrafiche presenti, sino a oggi, all'interno dei singoli database anagrafici dei quasi 8.000 comuni italiani. Oltre ai dati anagrafici, l'ANPR contiene, come previsto dall'art. 62 del Codice delle Amministrazioni Digitali, l'archivio nazionale informatizzato dei registri di Stato civile e i dati delle liste di leva. A questa banca dati faranno riferimento tutti quegli enti e organizzazioni – non solo della Pubblica Amministrazione – che sono interessati alla gestione dei dati anagrafici della popolazione residente (compresi i residenti all'estero iscritti all'AIRE). Al progetto di realizzazione dell'anagrafe unica digitale partecipano, a vario titolo, le associazioni di categoria dei fornitori ICT di servizi demografici, Anusca (Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d'Anagrafe), le PA maggiormente interessate a fruire dei dati contenuti in ANPR (Agenzia delle entrate, Ministero degli affari esteri, Inps, Inail, Motorizzazione Civile) e così via.

Vantaggi anagrafe unica digitale

I motivi che hanno portato alla nascita del progetto ANPR sono vari. La necessità di armonizzare i sistemi di gestione dei registri anagrafici dei comuni italiani (che, allo stato attuale, utilizzano software realizzati da circa 40 differenti case sviluppatrici) e creare un unico database accessibile e utilizzabile senza grossi problemi da tutti gli enti o le organizzazioni che, per vari motivi, ne avessero la necessità. L'anagrafe unica digitale, infatti, metterà a disposizione dei Comuni e degli altri soggetti interessati ai dati anagrafici un sistema di gestione e controllo unico e unificato, grazie al quale sarà possibile lo scambio, puntuale e massivo, di dati e informazioni anagrafiche necessari ai sistemi locali per lo svolgimento delle loro funzioni.

I vantaggi dell'anagrafe unica digitale non saranno a solo appannaggio della Pubblica Amministrazione. Anche i cittadini potranno godere di una gestione più elastica ed "estesa" dei dati anagrafici.

 

Niente più code per richiedere la carta d'identità

 

  • Richiesta di certificati anagrafici in tutti i comuni. Come previsto anche dall'attuale regolamento anagrafico nazionale, si potranno richiedere i propri certificati anagrafici (e non solo quello di residenza) ovunque ci si trovi: qualunque ufficio anagrafe, infatti, potrà accedere al database unificato e scaricare i dati dell'interessato, anche se ci si dovesse trovare a centinaia di chilometri da casa
  • Richiesta carta identità elettronica in tutti i comuni. Il libero accesso all'intero database da parte di qualunque ufficio anagrafe italiano renderà possibile la richiesta della carta d'identità elettronica in qualunque comune ci si trovi. Non sarà più necessario richiedere il nulla osta al comune di residenza (o recarsi fisicamente presso l'ufficio anagrafe del proprio comune): anche trovandosi lontano da casa, si potrà comunque richiedere o rinnovare il documento di identità
  • Cambio di residenza più semplice. L'esistenza di un unico database, armonizzato e uguale per tutti, semplificherà le procedure per il cambio di residenza. In base al principio di "mutazione anagrafica", il cambio residenza sarà automatico (o quasi): le PA coinvolte, infatti, potranno agire direttamente sui dati del database e non sarà più necessario lo scambio di documenti previsto dalla procedura attuale
Copyright ę CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #agenda digitale #anagrafe unica digitale #carta identitÓ elettronica

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.