Fastweb

Cos'è e cosa fa l'Agcom

Agenda digitale Agenda Digitale #agenda digitale #domicilio digitale Codice dell'Amministrazione digitale, le novità del 2018 Approvato sul finire del 2017 e pubblicano nella GU nella prima metà di gennaio 2018, il nuovo CAD prevede diverse misure per la semplificazione dei rapporti tra PA e cittadini
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Cos'è e cosa fa l'Agcom FASTWEB S.p.A.
Agcom
Agenda Digitale
Creata nella seconda metà del 1997 per rispondere in maniera efficace ai cambiamenti del mercato delle telecomunicazioni, è oggi un esempio per molti altri Paesi

L'Agcom (acronimo di Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) è un'autorità indipendente, costituita dalla legge 249 del 31 luglio 1997 (la cosiddetta Legge Maccanico) e risponde del proprio operato al Parlamento, che ne stabilisce poteri, ne ha definito lo statuto e ne elegge i membri.

 

Logo di Agcom

 

Gli organi costitutivi dell'Agcom sono il Presidente, la Commissione per le infrastrutture e le reti, la Commissione per i servizi e i prodotti e il Consiglio. Ogni commissione è un organo collegiale costituita dal Presidente e due Commissari, mentre il Consiglio è composta dal Presidente dell'Autorità e da tutti i suoi Commissari.

Cos'è l'Agcom

L'Autorità nasce, come detto, nella seconda metà del 1997 a conclusione di un percorso di riforma legislativo del mondo dell'editoria italiana. L'Agcom, infatti, nasce dalle ceneri del Garante per l'Editoria, istituito con apposita legge nel 1981, e del Garante per la radiodiffusione e l'editoria, istituito nel 1990 dalla cosiddetta Legge Mammì.

L'Autorità ha innanzitutto funzione di garanzia: la legge che la istituisce le assegna il doppio compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato delle telecomunicazioni e di tutelare il pluralismo e le libertà fondamentali dei cittadini nel settore delle telecomunicazioni, dell'editoria, dei mezzi di comunicazione di massa e delle poste.

 

Agcom

 

In questo senso, l'Agcom è un'autorità “convergente”. Una definizione legata a doppio filo alla scelta del legislatore di creare un unico organismo che, con funzioni di regolamentazione e controllo, si occupa dei settori delle telecomunicazioni, dell'editoria e dell'audiovisivo. Una scelta giustificata e giustificabile dai cambiamenti che la tecnologia digitale ha provocato nel mondo dell'editoria e della comunicazione in genere. Oggi, infatti, le differenze tra i diversi mezzi diventati veicolo di contenuti – immagini, voce, dati – sono sempre più attenuate, se non quasi scomparse. 

Cosa fa l'Agcom

Tra le prerogative dell'Autorità troviamo, prima di tutto, che ai cittadini e agli operatori di mercati venga garantito il principio stabilito dall'Articolo 21 della Costituzione Italiana, affinché “tutti godano del diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione" e che "la stampa non venga ad essere soggetta ad autorizzazioni o censura".

 

Sede dell'Agcom

 

L'Agcom, inoltre, è chiamata a garantire e difendere i principi legislativi enunciati dall'articolo 4 del DL 259 del 2003 e riguardanti la comunicazione attraverso Internet. In particolare, l'Autorità ha il dovere di garantire la libertà di comunicazione; la segretezza delle comunicazioni anche attraverso il mantenimento dell’integrità e della sicurezza delle reti di comunicazione elettronica; la libertà di iniziativa economica e suo esercizio in regime di concorrenza, sanzionando eventuali posizioni di monopolio.

L'Autorità, quindi, ha anche competenze in materia tariffaria, di qualità e di controllo degli operatori del mercato. Tramite il consiglio e le due commissioni può regolamentare e controllare eventuali posizioni dominanti sul mercato, proporre aggiornamenti normativi sui servizi minimi offerti agli utenti e promuovere piani di assegnazione delle radiofrequenze.

Tra le altre competenze, infine, troviamo anche quelle relative alla regolamentazione in materia di pubblicazione e diffusione di sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa. In particolare, l'Agcom si occupa di controllare e diffondere ricerche e sondaggi di carattere politico ed elettorale in considerazione della peculiarità dell'argomento e dell'importanza che questi strumenti ricoprono nella formazione dell'opinione pubblica e dell'influenza su valori e diritti politici dei cittadini.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #agcom #telecomunicazioni #agenda digitale

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.