Fastweb

Contact centre, il futuro passa da chat e cloud

Smartphone Internet #internet #smartphone Come risparmiare sul traffico dati Non riesci ad arrivare a fine mese con il tuo pacchetto di dati e devi sempre acquistarne in più? Ecco alcuni trucchi per limitare il consumo di dati casalingo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Contact centre, il futuro passa da chat e cloud FASTWEB S.p.A.
Call center addio, oggi vince il multicanale
Agenda Digitale
I call centre si spostano sempre più verso un'offerta di servizi multicanale, dove la voce convive con altri mezzi come, chat, posta elettronica e servizi cloud

Il futuro dei contact centre passa da un approccio multicanale, fatto di un mix di chat, telefono e cloud. Questo quanto emerge dal rapporto stilato da Dimension Data, leader mondiale nel settore dei servizi e soluzioni dell'ICT (Information Communication Technology), sul futuro dei contact centre.

 

La ricerca

 

Nel suo Global Contact Centre Benchmarking Report 2013 – realizzato intervistando 817 centri di contatto che coprono 11 settori di attività in 79 paesi del mondo -, la società di analisi e servizi statunitense evidenzia come sia in corso un vero e proprio stravolgimento in questo settore e solo le aziende più avanzate dal punto di vista tecnologico siano in grado di offrire un servizio di assistenza che soddisfa il cliente.

Fattore generazionale

A guidare questo cambiamento è la cosiddetta generazione Y, ovvero i giovani e giovanissimi sempre più avvezzi ad interagire con il mondo che li circonda tramite smartphone e tablet. E il mondo dell'assistenza al cliente non fa alcuna eccezione: i nati dopo il 1990 preferiscono utilizzare servizi testuali (posta elettronica, SMS, chat e messaggistica istantanea) e social network piuttosto che passare attraverso il canale telefonico. “Mentre la Silent Generation (nata prima del 1944) e i Baby Boomers (nati tra il 1945 e il 1960) scelgono il telefono come canale di comunicazione preferenziale con i contact centre (rispettivamente il 55,6% e il 59,6%) - commenta Andrew McNair, responsabile del benchmarking di Dimension Data -, il continuo calo dei contact centre ‘solo voce’ – attualmente a quota 59,2% rispetto al 67,9% dello scorso anno – dimostra una maggiore propensione verso agenti telefonici multiskill tra i canali emergenti non-voce”.

 

Canali di contatto per fasce d'età

 

I contact centre si spostano sempre più verso un'offerta di servizi multicanale, dove la voce coesiste e convive con altri mezzi di contatto come, per l'appunto, chat, posta elettronica e servizi cloud.

Sviluppo tecnologico

Alla base di questo stravolgimento il continuo sviluppo tecnologico, che ha reso sostanzialmente channel agnostic (ovvero indifferenti rispetto al canale di comunicazione utilizzato) i ragazzi nati dal 1990 in poi. Quando hanno a che fare con contact centre il loro primo obiettivo è ottenere il risultato con il minor sforzo e nel minor tempo possibile indipendentemente dal canale di contatto utilizzato. “I membri della generazione Y sono esigenti, social, costantemente connessi e channel-agnostic, e con loro qualsiasi discussione relativa alla scelta di canali di comunicazione è priva di interesse. La Generazione Y semplicemente vuole portare a termine il proprio lavoro e utilizzerà la molteplicità di dispositivi elettronici a sua disposizione per raggiungere tale obiettivo”.

 

Contact centre, il futuro è cloud

 

È la varietà di mezzi a disposizione che rende i ragazzi indifferenti al canale che si utilizza. Il fatto di potersi connettere ovunque grazie allo smartphone e di accedere a qualsiasi servizio da qualsiasi posto grazie al cloud, fa sì che ci si concentri sul contenuto e sull'obiettivo della comunicazione piuttosto che sul canale.

Futuro omnichannel

Ma, come direbbe Corrado, non finisce qui. Se i contact centre di oggi sono orientati verso servizi multicanale, il futuro sarà invece omnichannel. In questo ultimo step evolutivo, tutti i canali di contatto saranno integranti e “comunicanti” tra di loro, e non semplicemente affiancati come accade oggi nell'approccio multicanale.

 

Evoluzione della specie

 

In questa maniera le società di assistenza saranno in grado di offrire un servizio sempre più puntuale e preciso, capace di dare risposte immediate – o quasi – alle richieste o alle lamentele degli utenti. E non è un caso che il rapporto Dimension Data prevede, per l'anno appena iniziato, una crescita esponenziale dei contatti via chat. Immediata e poco impegnativa, la chat rosicchierà importanti fette di mercato a discapito della classica chiamata telefonica e di altri canali di contatto scritti (posta elettronica in primisi). Una scelta apprezzata anche da chi deve offrire assistenza: rispetto ad un call center, la chat garantisce risparmi sia in termini di tempo sia in termini economici

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #contact centre #chat #cloud #rete #internet #agenda digitale

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.