Fastweb

Una vita da social, la campagna per prevenire i rischi dei social network

Adolescente alle prese con Facebook Social #facebook #privacy Facebook lancia il portale degli adolescenti: info su funzioni e sicurezza Il social media di Mark Zuckerberg sta investendo molto sul confronto con i più giovani per indicare agli adolescenti come utilizzare in maniera sicura e consapevole la piattaforma
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Una vita da social, la campagna per prevenire i rischi dei social network FASTWEB S.p.A.
Una vita da social
Web & Digital
Il progetto educativo itinerante dedicato ai più giovani per spiegare come navigare online in sicurezza. Realizzato dalla Polizia di Stato, vede la partecipazione di aziende del mondo di Internet e delle Tlc tra cui FASTWEB

Insegnare a utilizzare in modo consapevole i social network per schivarne i rischi e cogliendone le opportunità. Questo l’obiettivo di Una vita da Social, il progetto educativo itinerante dedicato ai più giovani per spiegare come navigare online in sicurezza, evitare violazioni della privacy e difendersi da cyberbulli e adescatori. L’iniziativa è stata realizzata dalla Polizia di Stato, in collaborazione con il  Ministero dell’Istruzione. La campagna, che toccherà oltre trenta città italiane coinvolgendo più di 150 mila studenti, vede la partecipazione di aziende del mondo di Internet e delle Tlc tra cui FASTWEB. Tra i video presenti nella pagina anche quelli che vedono la partecipazione di Fiorello e di Amadeus.

Muovendosi con un truck, nel quale è stata allestita un'aula didattica multimediale, gli operatori della polizia postale incontreranno studenti, genitori e insegnanti per sensibilizzarli sui temi della sicurezza online, evidenziando sia le opportunità della Rete sia i rischi. Nella pagina Facebook Una vita da social, gestita dagli agenti della Postale, saranno pubblicati gli appuntamenti, le attività e i contributi ricevuti in tutte le tappe toccate dal progetto itinerante.

L’importanza dell’iniziativa è confermata anche a un’indagine realizzata da Skuola.net nei giorni scorsi su un campione di 2000 giovani. Un giovane su tre è sempre connesso ai social network, il 27% degli intervistati ha  incontrato  una persona conosciuta sul web ed il 23% di quest’ultimi lo ha fatto da solo senza informare nessuno. Un ragazzo su quattro si è comportato da cyber bullo, mentre il 6% dei ragazzi lo fa in modo sistematico. Il 13% dei ragazzi confessa di aver inviato foto e video di se stesso in atteggiamenti provocatori, mentre il 17% ha rivelato di averlo fatto in cambio di regali, denaro o ricariche telefoniche.

22 gennaio 2014

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #web #rete #sicurezza #minori #educazione #facebook #fastweb

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.