Fastweb

Timb, la chat privata secondo Tor

Hacker al lavoro Internet #hacker #sicurezza informatica 7 modi per hackerare un computer non connesso a Internet Non solo malware e attacchi DDoS. Per bucare una rete air gap gli hacker sfruttano tecniche e tecnologie sempre più raffinate. Ecco quali
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Timb, la chat privata secondo Tor FASTWEB S.p.A.
Timb, il client chat di Tor
Web & Digital
Implementato nel client Instantbird, il nuovo progetto del team Tor vuole rendere indecifrabili e irrintracciabili le conversazioni online

La difesa della privacy e della protezione dei dati personali è ormai tema di discussione quotidiana in ambito informatico. Sono sempre di più i tentativi di furto delle credenziali di accesso a servizi web o i tentativi di entrare in possesso di informazioni riservate. Il datagate svelato da Eric Snowden ha avuto il “merito” di fare da cassa di risonanza alla tematica, mentre il recente acquisto di WhatsApp da parte di Facebook ha messo in allarme molti utenti sulla protezione dei loro dati - conversazioni e numeri di telefono - all’interno dell’app di messaggistica istantanea.

Molti dirottarono le proprie attenzioni - e le proprie chat - verso Telegram, applicazione di messaggistica sviluppata dai fratelli russi Durov che permette di inviare messaggi crittografati o che si autodistruggono nel giro di pochi secondi. Tor propone una strada alternativa per la protezione delle chat e dei messaggi scambiati utilizzando Internet.

 

Timb

 

Si chiama Timb - acronimo di Tor Istant Messaging Bundle - e, sfruttando la sotto-rete crittografata e protetta creata grazie al software per la navigazione anonima, sarà possibile scambiare i messaggi con i propri contatti senza avere il timore che qualcuno possa intromettersi e “osservare” indiscretamente le chat.

Cos’è il Tor project

Tor (acronimo di The Onion Router) permette agli utenti di navigare protetti dall’anonimato sfruttando un’intricata rete di computer, server e router che “proteggono” l’IP di navigazione dell’utente. L’accesso al sito web o alle risorse online non avviene in maniera diretta: i pacchetti dati e le richieste di navigazione sono continuamente crittografate e decriptate e viaggiano attraverso un dedalo di nodi - gli onion router - che li avvolgono a mo’ di cipolla.

Per risalire all’identità dell’utente si dovrebbe “sfogliare” l’intera cipolla, sino ad arrivarne al cuore; ovvero, si dovrebbe ripercorrere all’indietro l’intero percorso, ma i protocolli crittografici utilizzati rendono vano ogni tentativo del genere.

Cos’è Timb

Con il progetto Timb - ancora nella sua fase embrionale - il team di sviluppo di Tor vuole applicare gli stessi principi anche ai programmi di chat e messaggistica istantanea. La piattaforma di messaggistica che ne scaturirà garantirà l’anonimato delle conversazioni facendole viaggiare attraverso la rete Tor, che ne garantirà la protezione grazie ad un sistema automatizzato di reporting e autenticazione. La prima versione beta di Timb dovrebbe essere disponibile tra la fine di marzo e l’inizio di aprile.

Come funziona Timb

Due i pilastri su cui si dovrebbe reggere l’intera piattaforma di comunicazione di Timb. Da un lato il protocollo crittografico Off-the-record (spesso abbreviato in OTR, “da non verballizare”, “ufficiosamente” nella traduzione italiana); dall’altro il client di chat open source Instantbird.

Alla base della prima scelta troviamo la capacità del protocollo di adattarsi alla perfezione allo scambio comunicativo che avviene tramite i client di chat di ultima generazione. Grazie a chiavi crittografiche AES, allo scambio di chiavi Diffie-Hellman e altre tecniche di protezione dello scambio dei pacchetti dati, il protocollo OTR garantisce sia l’anonimato dei partecipanti alla conversazione, sia la segretezza delle informazioni che ci si scambia sulla piattaforma di comunicazione utilizzata.

 

Sito web di Istantbird

 

La scelta di Instantbird invece che altri client chat è motivata dagli stessi responsabili del progetto sulla pagina ufficiale del progetto. Instantbird è caratterizzato da un’interfaccia grafica chiara e lineare, un buon supporto del protocollo, multipiattaforma e multilingue. E, grazie al codice completamente accessibile e modificabile (open source), gli sviluppatori non avranno difficoltà né problemi legati alla violazione di brevetti e copyright nell’implementare il protocollo crittografico all’interno del programma.

La piattaforma di comunicazione in via di definizione assicurerà l’anonimato e la crittografia delle conversazioni utilizzando le stesse metodologie applicate alla navigazione: i pacchetti saranno rimbalzati da un nodo all’altro della sotto-rete Tor, permettendo di rendere il percorso indecifrabile e, di conseguenza, non più percorribile.

 

22 marzo 2014

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #tor #privacy #sicurezza informatica #dati personali #chat #app #whatsapp #facebook #telegram

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.