Fastweb

Nuove aggiunte al cloud storage OneDrive

Outlook.com Web & Digital #outlook.com #microsoft Come migrare email da Outlook a Gmail e Yahoo! Ecco come fare per trasferire le mail dall'account Outlook.com a Gmail e Yahoo! Mail
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Nuove aggiunte al cloud storage OneDrive FASTWEB S.p.A.
Microsoft OneDrive screenshot
Web & Digital
Anche Outlook si aggiorna offrendo agli utenti la possibilità di crittografare le email

Microsoft introdurrà questa settimana una nuova funzione OneDrive che renderà più semplice riprendersi dopo un attacco da ransomware. Files Restore, una feature esclusiva di OneDrive for Business, arriva ora su OneDrive consumer.

Il problema è che è necessario avere un abbonamento a Office 365 per ottenere questa nuova funzione. Gli utenti OneDrive comunque potranno usarla per recuperare i file da qualsiasi punto nel tempo degli ultimi 30 giorni. Infatti se accidentalmente si elimina un file sarà possibile recuperarlo, così come ripristinarlo alla versione precedente se si apporta una modifica errata.

L'azienda sta sponsorizzando la funzione Files Restore come un buon modo per proteggersi contro gli attacchi dei ransomware, che agiscono bloccando i file sul PC locale e che spesso tentano di cancellarne le copie che sono archiviate nelle cartelle sincronizzate, replicando queste modifiche nel cloud. Si sono visti numerosi attacchi di questo genere recentemente e le vittime sono state costrette a pagare in denaro per riavere indietro i propri file.

Infatti se OneDrive rileva una cancellazione di massa dei file dal cloud, Microsoft avviserà l'utente tramite una mail o comunque una notifica su desktop o telefono e il processo di recovery gli permetterà tempestivamente di recuperare i file fino ad un certo punto prima dell'attacco dei ransomware. "E' il primo del suo genere nel settore", afferma Seth Patton, official manager di Office 365. "Crediamo che OneDrive sia il posto più sicuro per archiviare i vostri file".

Oltre alla nuova funzione Files Restore, Microsoft ha aggiunto per OneDrive l'opzione di proteggere tramite una password i link di condivisione per rendere un po' più sicura la condivisione di file o cartelle con contenuti sensibili. Anche Outolook.com sarà aggiornato con la possibilità di crittografare le email per gli abbonati ad Office 365.

La crittografia delle email può essere applicata sui singoli messaggi e Outlook ti chiederà perfino di criptare le email qualora dovesse rilevare informazioni come i numeri di previdenza sociale o simili nei messaggi. I destinatari saranno in grado di leggere i messaggi su Outlook.com, Outlook per iOS e Android, la app di Windows Mail o anche solo visitando un link nella email in questione qualora il livello di sicurezza del destinatario non soddisfasse i criteri di connessione criptata di Microsoft. Gli utenti di Outlook.com saranno inoltre in grado di impedire ai destinatari di inoltrare o copiare le mail ricevute.

Files Restore di OneDrive, la protezione ransomware, e la crittografia di Outlook.com saranno rilasciati per gli abbonati a Office 365 da oggi per il resto del mese. Microsoft inoltre ha annunciato che la funzione di aggiunta della password per protegge i link sarà disponibile nelle prossime settimane.

6 aprile 2018

 

Fonte: theverge.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #microsoft #onedrive #ransomware

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.