Fastweb

La storia di General Electric

la storia di nikon Web & Digital #nikon #storia La storia di Nikon Nata con l'obiettivo di liberare il Giappone dall'importanza di vetro ottico e di lenti dalla Germania, Nikon si è imposta dagli anni Sessanta come una delle principali aziende del settore fotografico
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
La storia di General Electric FASTWEB S.p.A.
storia di general electric
Web & Digital
Fondata nel 1892, la General Electric è una delle aziende più longeve al Mondo. Dall'aereonautica, agli elettrodomestici fino all'elettronica, sono diversi i settori dove opera la società statunitense

La General Electric è una delle società più famose al Mondo: con la sua storia ultra centenaria ha lanciato sul mercato decine e decine di prodotti che hanno cambiato per sempre la vita delle persone. Basta pensare alla prima ferrovia completamente elettrica realizzata negli Stati Uniti nel 1895 e che permetteva di eliminare i fumi delle locomotive a vapore. L'anno successivo, invece, un ingegnere delle General Electric, Elihu Thompson ha realizzato la strumentazione elettrica per la produzione di raggi X, diagnosticando fratture ossee e la presenza di oggetti estranei all'interno del corpo.

 

general electric

 

La General Electric ha avuto un ruolo fondamentale anche nelle due Guerre Mondiali, supportando l'esercito statunitense nella produzione di motori aereonautici a reazione. Durante la grande Crisi economica che ha colpito prima gli Stati Uniti e poi tutto il Mondo, la General Electric ha iniziato a produrre prodotti accessibili a tutte le tasche, in modo che anche coloro che erano state vittime della crisi potessero continuare a fare una vita dignitosa. L'azienda è stata protagonista anche dell'allunaggio, producendo gli stivali di gomma che indossava Neil Armstrong. Nel 1992, invece, ha collaborato con la Nasa per la produzione del Mars Observer, la sonda inviata su Marte per studiare e mappare il suolo del Pianeta Rosso. Negli ultimi anni l'azienda ha cambiato strategia, investendo pesantemente nell'industria digitale, con l'obiettivo di diventare la prima società digitale industriale del mondo. E per questo motivo nel 2016 ha spostato la propria sede da New York a Boston.

La nascita della General Electric

 

general electric fondazione

 

Per raccontare la nascita della General Electric (1892), bisogna fare un piccolo passo all'indietro e partire dal 1878, quando Thomas Alva Edison fonda la Edison Electric Light Company, la società che diede inizio alla produzione di massa della lampadina elettrica a filamento incandescente. Per la creazione della General Electric bisogna aspettare il 1892 quando la Edison Electric Company si fonde con la Thomson-Houston Company. Nei primi anni di vita, l'azienda si focalizza soprattutto sul settore dell'elettricità e nel 1895 inaugura la prima rete ferroviaria statunitense completamente elettrica, grazie all'utilizzo delle nuove locomotive GE da 96 T. Nel 1896, però, un'invenzione dell'ingegnere Elihu Thompson della General Electric cambia radicalmente la storia della radiografia. Infatti, l'ingegnere statunitense costruisce una strumentazione elettrica per la produzione di raggi X e utilizza le immagini realizzate con questi raggi per diagnosticare fratture ossee e la presenza di oggetti estranei all'interno del corpo umano.

Stretto di Panama ed elettrodomestici

 

lampadina tungsteno

 

All'inizio del XX secolo il giro d'affari della General Electric comincia a diventare sempre più grande e si espande anche nel settore degli elettrodomestici per la casa. Nel 1902 la GE riceve i brevetti per il primo ventilatore elettrico, e tre anni più tardi lancia sul mercato il primo tostapane elettrico. Nel 1909, la lampadina inventata da Thomas Edison viene migliorata da William D. Coolidge che sostituisce il filamento in carbonio con uno in tungsteno. La scoperta è talmente rivoluzionaria, che ancora oggi si utilizza questo tipo di lampadina.

Nel 1914 la General Electric è una delle aziende protagoniste dell'apertura dello stretto di Panama, una delle opere più grandi mai compiute dall'uomo. Pr azionare le chiuse sono necessari oltre 500 motori e General Electric ha realizzato e controllato tutte le chiuse dello Stretto.

Il periodo tra le due guerre

La General Electric comincia a diversificare i suoi mercati d'interesse e inizia la produzione dei motori per gli aerei. Durante la grande crisi, la società subisce un duro colpo, come tutte le aziende statunitensi. Ma, invece di ridimensionare gli investimenti, decide di fondare la GE Capital per dare la possibilità a tutti coloro che erano stati colpiti dalla crisi economica di continuare ad acquistare elettrodomestici.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la GE supporta l'esercito statunitense con la produzione dei primi motori a reazione, che si riveleranno fondamentali per la vittoria degli Alleati. Concluso il conflitto mondiale, la General Electric continua a investire nel settore dell'aereonautica, diventando una delle aziende leader nel mondo. 

General Electric in Italia

Nel 1921 la General Electric sbarca anche in Italia creando la CGE (Compagnia Generale di Elettricità), che diviene famosa per la prima installazione radio pubblica d'Italia, per la prima locomotiva elettrica e per la centrale elettrica automatica più grande d'Europa (Neto della Sila). Dopo la Seconda Guerra Mondiale acquista un'azienda radiofonica e comincia a collaborare con l'Aereonautica militare.

Il primo elaboratore e lo sbarco sulla Luna

La General Electric è protagonista anche nello sviluppo dei primi elaboratori, gli antenati dei computer. Nel 1950 l'ingegnere Arnold Spielberg realizza un elaboratore che permette di sviluppare programmi con il linguaggio di programmazione BASIC.

 

armstrong allunaggio

 

Nel 1962, invece, una nuova invenzione di un ricercatore della General Electric permette di fare un ulteriore passo in avanti nella medicina. L'azienda statunitense costruisce un magnete super-conduttore che sfonda la barriera dei 100mila gauss e che viene utilizzato per la risonanza magnetica.

La GE ha avuto un ruolo fondamentale anche durante l'allunaggio, producendo gli stivali di gomma con cui Neil Armstrong è atterrato sulla Luna ed effettuando un controllo su tutte le strumentazioni utilizzate dalla Nasa per la missione spaziale. La collaborazione con l'Ente Spaziale statunitense è proseguito anche nel 1992 per la realizzazione del Mars Observer, la sonda spaziale inviate su Marte per lo studio del suolo del Pianeta Rosso. 

Investimenti nel settore petrolifero

Nel 1994 la General Electric acquisisce la società italiana Nuovo Pignone di Firenze, esperta nella trasformazione petrolifera. Per la società statunitense si tratta del primo grande investimento in questo settore e negli anni Nuovo Pignone diventa l'azienda leader del gruppo GE Oil & Gas.

Nel 2013, invece, GE ha comprato la divisione aereonautica di Avio, acquisendo nuove conoscenze nella realizzazione di turbine a bassa pressione, tecnologia di combustione e sistemi di automazione.

Lampadine a LED e nuove quartier generale

 

nuova sede boston

 

L'azienda statunitense ha sempre avuto un occhio di riguardo verso lo sviluppo di nuove tecnologie per le lampadine: nel 2010 ha lanciato la prima lampadina a LED che permette di risparmiare il 77% di energia.

Nel 2016, General Electric decide di cambiare filosofia e di vendere quasi tutte le attività finanziarie, puntando a diventare la più grande digitale industriale del mondo. E per far ciò ha spostato il quartier generale a Boston. 

Copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #storia #general electric

© Fastweb SpA 2017 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.