Fastweb

Come riconoscere le notizie false

Google One Web & Digital #google one #google Google One, cos'è e come funziona Drive,Gmail e Foto tutti in un unico servizio, a pagamento ma con assistenza su qualsiasi prodotto Google
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Come riconoscere le notizie false FASTWEB S.p.A.
strumenti per combattere le fake news
Web & Digital
Dai social network fino ai motori di ricerca, tutte le principali aziende dell'hi-tech sono scese in campo per contrastare le fake news. Ecco gli strumenti da utilizzare

Ogni giorno veniamo subissati da notizie che sembrano essere vere, ma che in realtà sono solamente fake news create ad arte per fare click o per influenzare l'opinione pubblica. Dopo le elezioni statunitensi, il tema delle notizie false è diventato di primaria importanza sia per gli organi politici sia per le aziende dell'hi-tech che offrono dei servizi che vengono in qualche modo peggiorati dalle fake news: pensiamo ai social network o ai motori di ricerca che ogni giorno devono scontrarsi con chi diffonde notizie create ad arte per strappare click.

Da Facebook a Twitter, passando per Google e Bing, tutti i principali servizi che utilizziamo quotidianamente hanno realizzato degli strumenti che permettono di riconoscere le notizie false e di cancellarle dal News Feed o dalla SERP (Search Engine Result Page). Saper riconoscere le bufale dalle notizie vere non è semplice, soprattutto per coloro che hanno un basso livello di attezione. I creatori di fake news sono molto abili a seguire il flusso di notizie e a creare delle bufale che possono sembrare vere prendendo spunto direttamente dai fatti di cronaca. Fortunatamente esistono degli strumenti che permettono di riconoscere le notizie false e di difendersi dall'attacco quotidiano dei creatori di bufale.

Fact check di Google News

 

bufale online

 

Google è stata tra le prime società a scendere in campo per difendere la qualità dei propri servizi e ha lanciato l'iniziativa Fact-check. Nel caso in cui le notizie presente su Google News saranno verificate, di fianco spunterà la scritta "Fact-check". Al momento il servizio è attivo solo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma se si rivelerà utile verrà esteso anche al resto del mondo.

Gli strumenti di Facebook

 

notizie false

 

I social network e in particolar modo Facebook sono continuamente bersagliati dalle fake news. Mark Zuckerberg ha annunciato più e più volte nelle sue uscite pubbliche di impegnarsi in prima linea per contrastare le bufale e per fornire degli strumenti che le possano riconoscere, ma al momento ancora nulla è stato fatto. Il tool che Facebook vorrebbe lanciare prevede che siano gli stessi utenti a segnalare le notizie false, in modo che l'algoritmo di Facebook riesca a riconoscere le fake new facendole sparire dal News Feed delle persone. Inoltre, quando una fonte sarà considerata poco autorevole, spunterà un'etichetta che avvertirà l'utente. Al momento l'unico strumento lanciato dall'azienda di Menlo Park è una modifica effettuata sull'algoritmo del News Feed che mostra agli utenti solamente le notizie ritenute più autorevoli. Ma per una vera lotta alle fake news è ancora necessario molto tempo.

Addio account falsi

Durante le elezioni statunitensi, Twitter è stata sicuramente una delle piattaforme più utilizzata dai creatori di bufale per diffondere notizie false. Sono stati migliaia gli account bot creati sulla piattaforma di microblogging che diffondevano pillole di fake news capaci di influenzare l'opinione pubblica. Per questo motivo Twitter ha deciso di andare all'attacco e di cancellare tutti gli account ritenuti falsi e di effettuare un cambiamento al proprio algoritmo in modo da penalizzare i contenuti ritenuti poco autorevoli o completamente falsi. Un lavoro che porterà il sito di microblogging a migliorare il proprio servizio.  

 

come riconoscere account falsi

 

I debunker

Oltre agli strumenti messi a disposizione da aziende come Facebook e Twitter è possibile essere proattivi e cercare di smascherare le bufale facendosi aiutare dai professionisti del settore. Ci sono dei debunker come Paolo Attivissimo che aggiornano continuamente il proprio sito personale e smascherano tutte le bufale della Rete. Per riconoscere una notizia falsa, molto spesso basta un po' di attenzione: bisogna diffidare dai titoli sensazionalistici ("Non crederai a quello che è successo: clicca qui) e dai sommari troppo semplicistici.

I siti che smascherano le bufale

 

cosa sono le fake news

 

Altro strumento utile per smascherare le fake news sono i siti online che raccolgono le notizie false e le etichettano come bufale. Sono dei servizi molto utili soprattutto per coloro che hanno difficoltà nel riconoscere le notizie false da quelle vere. Prima di pubblicare sui vostri account social l'ennesima notizia falsa, è necessario andare su un sito come Butac.it o Bufale.net e vedere se la fake news è già stata smascherata. Inoltre, gli utenti potranno trovare anche una lista dei siti che creano bufale per professione.

Le estensioni per i browser

 

bsdetector

 

In attesa degli strumenti che vorranno sviluppare i big dell'hi-tech, alcuni utenti hanno iniziato a realizzare autonomamente dei tool che riconoscono in automatico se una notizia è vera. Daniel Sieradski, ragazzo statunitense, ha creato BS Detector, un'estensione per Chrome che etichetta le notizie false che appaiono sui social network. Il funzionamento dell'estensione è molto semplice: BS Detector ha un database con tutti i siti poco affidabili e appena trova sul nostro News Feed una notizia proveniente da quel portale la etichetta come "poco attendibile". Tutto molto semplice e soprattutto efficace. Inoltre, il database con i siti di bufale lo può aggiornare qualsiasi utente sulla piattaforma di Github.

Un altro strumento molto simile è Fake News Alert, sviluppato durante le elezioni statunitensi. Anche in questo caso il codice è open-source e disponibile su Github: chi vuole può migliorarlo e sviluppare un'estensione anche per gli altri browser.

Copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #fake news #social network #google #notizie false

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.