Fastweb

Attacchi DDoS in crescita nel Q4 2016 secondo Akamai

Benvenuto Google Fiber Internet #fibra ottica #internet Google Fiber, la connessione Internet secondo Google Tra le tante attività collaterali di Google, consente di accedere a Internet a 1 gigabit al secondo e vedere programmi TV grazie a set top box
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Attacchi DDoS in crescita nel Q4 2016 secondo Akamai FASTWEB S.p.A.
Hacker al lavoro
Internet
Poche le novità di rilievo che emergono dall'ultimo rapporto sulla sicurezza informatica targato Akamai. Calano gli attacchi DDoS, ma cresce il numero di quelli superiori ai 100 gigabit

C'è di che preoccuparsi, almeno a leggere i dati del Report sulla sicurezza web Akamai relativo al quarto trimestre 2016. Rispetto al Q3 2016, infatti, gli attacchi DDoS generati da botnet IoT hanno continuato a generare un traffico sensibile, tanto che sette dei 12 attacchi con occupazione di banda superiore ai 100 gigabit sono stati generati da Mirai. Non si tratta, però, dell'unica notizia negativa che emerge dal Report Akamai: tutte le metriche registrate dai sensori del gestore CDN statunitense, infatti, fanno segnare incrementi a doppia cifra se confrontate con quelle del Q4 2015.

 

Attacchi hacker

 

Cresce il numero degli attacchi DDoS con occupazione di banda superiore ai 100 gigabit, mentre gli attacchi SQLi restano i preferiti dagli hacker per mettere ko sistemi e piattaforme web di ogni genere. Unica nota positivaè il calo nel numero complessivo di attacchi DDoS, anche se è ancora presto per dire se si tratti di un dato confortante. Può  darsi, infatti, che i cybercriminali si stiano concentrando sulla qualità piuttosto che sulla quantità (meno attacchi, ma più mirati e potenti): se così dovesse essere, lo scenario potrebbe addirittura peggiorare rispetto al passato.

Attacchi DDoS quarto trimestre 2016

 E se guardiamo al trimestre ottobre-dicembre 2015, gli attacchi con potenza di fuoco superiore ai 100 gigabit sono più che raddoppiati (+14'%) e hanno toccato il numero di 12 . Come detto, sette di questi sono stati portati a compimento sfruttando la botnet Mirai (rete di computer zombie costituita da dispositivi IoT non protetti), ma il più potente è stato realizzato con la botnet non IoT Spike (vecchia, ormai, di un paio di anni). Cresce anche il numero di indirizzi IP coinvolti nei vari attacchi: 180 mila solo negli Stati Uniti.

 

Hacker e sicurezza informatica

 

Attacchi alle applicazioni web Q4 2016, origini e modalità

Gli Stati Uniti sono i protagonisti anche sul fronte degli attacchi alle applicazioni web. Solitamente generati da indirizzi IP riconducibili all'area geografica del Paese nordamericano, questi attacchi sono infatti aumentati del 72% rispetto al Q4 2015. Conferme anche sul fronte delle modalità utilizzate dagli hacker: gli attacchi SQLi, insieme a quelli LFI e XSS, sono ancora i più utilizzati. Queste tre modalità sono utilizzate nel 95% dei casi di assalti alle applicazioni web registrati nel IV trimestre 2016.

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #internet #hacker #sicurezza informatica

© Fastweb SpA 2017 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.