Il perimetro dell'organizzazione è sempre più "liquido" e le cyberminacce evolvono con rapidità. Cresce il costo degli attacchi e ai CISO (Chief Information Security Officer) viene richiesto di fare di più con budget stazionari o ridotti rispetto al passato. Valutare con continuità il livello di rischio e di esposizione ai pericoli, elaborando indicatori e metriche 'intuitivi' - interpretabili anche dai responsabili delle LOB (non solo dai tecnici) - può essere il primo passo verso un nuovo corso della protezione del patrimonio informativo aziendale più orientato alla data integrity.

All'interno del documento troverete indicazioni utili su come inquadrare la protezione dei dati all'interno del tema più ampio dell'Information Assurance, in un approccio olistico. Questo significa razionalizzare processi e procedure di gestione del dato in azienda. L'obiettivo cui tendere è garantire, in ogni momento, che i record siano congruenti e aggiornati a livello di fonti e metadati di definizione (il cosiddetto data master).

Questo white paper vi aiuterà a capire quali sono i passi fondamentali per assicurare l'integrità dei dati lungo tutto il loro ciclo di vita.

Da sfogliare e condividere.

Inserisci la tua mail per ricevere il whitepaper

11 aprile 2016