Fastweb

Al via FastUP School, il progetto per finanziare i progetti digitali delle scuole

Fastweb Aero Gravity apre al pubblico FASTWEB Informa #FastwebInforma Fastweb Aero Gravity apre al pubblico Grazie alla struttura sarà possibile provare l'ebbrezza dell'assenza di gravità
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Al via FastUP School, il progetto per finanziare i progetti digitali delle scuole FASTWEB S.p.A.
Al via FastUP School, il progetto per finanziare i progetti digitali delle scuole
FASTWEB Informa FASTWEB Informa
Siglato protocollo Miur-Fastweb-Eppela per supportare gli Istituti scolastici nei loro progetti. Fino a 10 mila euro di co-investimento per ogni iniziativa che raggiunge, tramite il crowdfunding, il 50% del budget richiesto

Si chiama FastUP School il progetto che vede al centro MIUR, Fastweb ed Eppela per permettere la realizzazione, attraverso il crowdfunding, di progetti di innovazione delle scuole. Il piano di lavoro si rivolge agli Istituti scolastici con l'obiettivo di sostenere, attraverso il finanziamento collettivo, progetti innovativi coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale. Le iniziative che, tramite Eppela, avranno raccolto dalla Rete il 50% del budget richiesto verranno cofinanziati da Fastweb per il restante 50%, fino a un massimo di 10 mila euro per progetto.

"Iniziative come questa sono coerenti con la nostra volontà di portare l'innovazione nel mondo scolastico, fornendo ai nostri studenti rinnovate competenze, fra cui la capacità di confrontarsi con il mondo esterno alla scuola maturando anche la loro capacità di promuovere progetti e iniziative in cui credono insieme alla loro comunità scolastica", ha dichiarato il Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini.

FastUP School, così, cofinanzierà idee, servizi e applicazioni innovative per avvicinare gli studenti alla tecnologia e per migliorare la didattica con l'aiuto del digitale. "Fastweb è impegnata nell'estensione della rete a banda ultralarga e lavora per consentire all'Italia di raggiungere gli obiettivi dell'Agenda digitale europea", ha aggiunto Alberto Calcagno, Amministratore delegato di Fastweb durante la conferenza stampa. "Per colmare il gap che ci divide da altri Paesi europei è fondamentale connettere le aule e aumentare il numero di computer disponibili nelle classi, ma questo non basta: è necessario aumentare le competenze digitali del mondo della scuola come sta giustamente cercando di fare il Piano Nazionale Scuola Digitale lanciato dal Ministro Giannini", ha concluso.

Alberto Calcagno e il Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini

Le scuole che vogliono realizzare un progetto digitale innovativo possono partecipare a FastUP School. Tra tutte le idee proposte, le più promettenti saranno selezionate usando Protocolli in Rete, un applicativo del MIUR che consente la gestione trasparente ed efficiente dei Protocolli d'Intesa e dei bandi. Inoltre il team di Fastweb ed Eppela supporterà le scuole nella realizzazione dei progetti per un anno con consigli e indicazioni utili per il loro avviamento e la loro valorizzazione. L'esperienza di ogni scuola sarà raccontata attraverso i canali di comunicazione di Eppela e di Fastweb in collaborazione con il MIUR, favorendo in questo modo la visibilità delle idee e la possibilità che altre scuole partecipino alle iniziative sostenendole attivamente.

14 gennaio 2016

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #fastweb informa #miur #fastup school #crowdfunding

© Fastweb SpA 2017 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.