ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.
  • cerca in
    #Tutto #News #Comunicati
Sostenibilità

Ultrareal World, a Milano la prima sala cinematografica VR d'Italia

Sostenibilità 04/10/2017
Fastweb - Ultrareal World, a Milano la prima sala cinematografica VR d'Italia
Nata dalla collaborazione tra il Milano Film Festival e la Fastweb Digital Academy, sorge all'interno degli spazi di BASE. In programma sei appuntamenti

Non solo videogame o esplorazione di luoghi e città distanti e sconosciuti. Tra le molteplici applicazioni della realtà virtuale, infatti, il cinema occupa un posto di primaria importanza. Anzi, la settima arte è tra i principali candidati a farci indossare un visore VR nel breve o brevissimo periodo. Ne sono un esempio le tante sale cinematografiche VR che stanno facendo la loro comparsa un po' in tutto il mondo, Stati Uniti in testa.

Anche l'Italia non è al "riparo" da questa nuova tendenza e, grazie alla collaborazione tra Milano Film Festival e Fastweb Digital Academy, aprirà presto a Milano Ultrareal World, prima sala cinematografica VR in Italia. Un progetto che va avanti ormai da mesi e che si concretizzerà a partire dal prossimo 5 ottobre, quando sarà proiettato il primo cortometraggio a realtà virtuale.

Cosa sono le sale cinematografiche VR


Complice la sempre maggiore diffusione di videocamere e telecamere 360 gradi, sia di livello amatoriale sia di livello professionale, realizzare dei video VR è diventato sempre più semplice. In alcuni casi, è sufficiente uno smartphone e un dongle da collegare alla porta USB type C (o a connettori proprietari, come nel caso del Moto Z2 Play e Moto Z2 Force) per fare video 360 gradi di buona fattura. Ciò ha consentito a un numero crescente di film maker di realizzare film e cortometraggi a 360° da distribuire sul web (tramite YouTube o Vimeo, ad esempio), oppure da proiettare all'interno di stanze nelle quali gli spettatori avranno libertà di movimento per "esplorare" il filmato.

All'interno di una sala cinematografica VR il cliente avrà in dotazione un visore per la realtà virtuale che gli consentirà di vedere il film "a tutto tondo", indirizzando l'attenzione verso il lato che ritiene più opportuno. Il punto di vista dal quale si osserva il film VR, dunque, non sarà necessariamente lo stesso del vicino di poltrona: in questo modo si potrà godere di un'esperienza cinematografica senza precedenti e differente da quella delle altre persone presenti in sala.

Come e dove vedere film 360° a Milano


Dal prossimo 5 ottobre all'interno di BASE (Via Bergognone 34 a Milano) aprirà i battenti Ultrareal World, la prima sala cinematografica a realtà virtuale d'Italia. Ideata e voluta dal Milano Film Festival in collaborazione con la Fastweb Digital Accademy, la struttura permetterà al pubblico di sperimentare i nuovi linguaggi e le innovazioni tecnologiche del panorama audiovisivo. Chi vorrà vedere film a 360° dovrà semplicemente richiedere un visore all'ingresso – i dispositivi saranno forniti da Samsung – indossarlo e accomodarsi in sala: le proiezioni saranno introdotte da presentazioni e incontri che contribuiranno a favorire la condivisione delle esperienze e la nascita di nuove suggestioni.

Ultrareal World, i cortometraggi in programma


I primi appuntamenti con il cinema a 360° di Ultrareal World sono in programma nella prima settimana di ottobre, quando si concluderà la 22esima edizione del Milano Film Festival. Dal 5 all'8 ottobre, in particolare, sono previste le proiezioni di 11 cortometraggi (con una durata che va dai 5 ai 20 minuti circa) in orari differenti. I film 360°, realizzati da registi internazionali, saranno suddivisi in tre gruppi: il cortometraggio francese Alteration inaugurerà la sala cinematografica VR meneghina, seguito dalla produzione iraniana Ne me quitte pas e da quella statunitense Pearl; fanno parte del secondo gruppo Planet ? (Francia), Notes on my father (Stati Uniti, India e Gran Bretagna), I, Philip (Francia) e Oh deer (Svezia); nel terzo raggruppamento ci sono Bloodless (Corea del Sud), Kinoscope (Francia), I saw the future (Francia) e Ashes to ashes (Paesi Bassi).