ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.
  • cerca in
    #Tutto #News #Comunicati
Sostenibilità

Nasce il video "Certe malattie non conoscono orari"

Sostenibilità 06/12/2017
Fastweb - Nasce il video "Certe malattie non conoscono orari"
Fastweb insieme ai suoi clienti continua a sostenere il progetto della LILT "Reperibilità telefonica pediatrica 24h"

Fastweb, insieme ai propri clienti, sostiene il Progetto di Reperibilità telefonica pediatrica 24h realizzato dalla LILT Lega italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano, presso la Struttura Complessa di Pediatria Oncologica della Fondazione IRCSS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

Per sensibilizzare le persone al tema, nasce il video "Certe malattie non conoscono orari" realizzato dall'agenzia RedFarm. L'idea è che quando tutto chiude, chi è malato può avere comunque bisogno di un aiuto o di un consiglio, anche di notte, anche durante le feste. E' molto importante sapere che c'è sempre un servizio attivo e un numero da chiamare, interamente dedicato alle famiglie dei bambini che sono ammalati o sono stati ammalati di cancro.


E' per sostenere questo servizio che Fastweb invita i propri clienti a donare un euro al mese. Per ogni euro donato dai clienti sul proprio abbonamento, Fastweb ne aggiungerà un altro, raddoppiando così il valore della donazione.
E' possibile donare 1 euro in fase di sottoscrizione dell'offerta fissa o collegandosi alla MyFastPage.

Ogni anno sono 1.500 i bambini che si ammalano di patologie oncologiche e 900 gli adolescenti e giovani adulti. I risultati degli studi clinici in oncologia pediatrica affermano che oggi più del 70% di questi pazienti sono guaribili. La sfida attuale è di mantenere le stesse percentuali di guarigione con terapie sempre meno aggressive per ridurre ed evitare danni a distanza.

Un euro per uno, non lascia solo nessuno