ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.
  • cerca in
    #Tutto #News #Comunicati
Sostenibilità

Fastweb4School, il 19 gennaio a Bologna si insegna a fare crowdfunding a scuola

Sostenibilità 16/01/2018
Fastweb - Fastweb4School, il 19 gennaio a Bologna si insegna a fare crowdfunding a scuola
Nato dalla collaborazione con il MIUR, Fastweb4School vuole incentivare la creazione di competenze digitali negli studenti della scuola secondaria italiana

Sdoganato a livello mondiale da portali come Kickstarter e Indiegogo, il crowdfunding è ormai diventato una forma di finanziamento per imprese e prodotti di ogni genere. Con il finanziamento dal basso, ad esempio, si possono ottenere fondi per girare video e film, pubblicare libri e dischi musicali, creare smartphone modulari o smartwatch con schermo e-ink e centinaia di migliaia di altri progetti (più o meno) innovativi.

Il crowdfunding, però, può essere utile anche per finanziare progetti digitali ideati tra i banchi di scuola. È questo l'obiettivo di Fastweb4School, progetto nato dalla collaborazione tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) e Fastweb, con l'intento di promuovere la cultura dell'innovazione tra gli studenti della scuola secondaria italiana.

Il progetto sarà presentato nel corso del workshop "Fastweb4School: il crowfunding a scuola" (qui il link per iscriversi) che si svolgerà venerdì 19 gennaio alle ore 13 nell'ambito di "Futura – 3 giorni per il Piano Nazionale Scuola Digitale: formazione, dibattiti, esperienze" in programma a Bologna dal 18 al 20 gennaio. Il workshop Fastweb servirà per fornire consigli utili a studenti e insegnanti su come partecipare alla campagna di crowdfunding scolastico e quali i "trucchi" per far crescere le possibilità di finanziamento del proprio progetto. La scadenza per la presentazione delle proposte è invece stata fissata per le ore 15 del 25 gennaio 2018.

Fastweb4School: il crowdfunding a scuola

L'evento di presentazione del progetto, ospitato presso la Sala Tassinari di Palazzo d'Accursio, vedrà la partecipazione di Anna Lo Iacono, Senior Manager Corporate Social Responsibility di Fastweb, e Angelo Rindone, Fondatore di Produzioni dal Basso (la piattaforma di crowdfunding a cui si appoggia Fastweb4School) e membro del Comitato Scientifico dell'Associazione Italiana dell'Equity Crowdfunding (AIEC). I due relatori spiegheranno ai docenti e agli studenti come funziona una campagna di crowdfunding presentandone tutte le caratteristiche (tipologie, buone pratiche, strategie, errori da evitare ed esempi concreti), illustreranno le modalità di funzionamento del progetto Fastweb4School e diranno come partecipare con il proprio istituto.

Che cos'è Fastweb4School

Il progetto Fastweb4School nasce con un duplice scopo: da un lato stimolare la realizzazione di progetti di artigianato digitale da parte degli studenti della scuola secondaria e contribuire così alla crescita di competenze digitali tra i più giovani; dall'altro spingere gli stessi studenti/nativi digitali a diventare utilizzatori attivi e non utilizzatori passivi del digitale e della tecnologia.

A chi si rivolge Fastweb4School

Come accennato, Fastweb4School è aperto alla partecipazione degli studenti degli istituti scolastici secondari di primo e secondo grado (per intendersi, scuola media e istituti superiori). In particolare, l'avviso pubblico ideato da Fastweb è rivolto al mondo dei digital maker o artigiani digitali e si propone di finanziare progetti che abbiano al centro la realizzazione di apparecchiature elettroniche e robotiche, dispositivi per la stampa 3D e macchine a controllo numerico, ma anche oggetti realizzati, grazie all'utilizzo del digitale, attraverso la lavorazione dei metalli, del legno e l'artigianato tradizionale.

Come partecipare a Fastweb4School

Gli istituti scolastici intenzioni a partecipare a Fastweb4School hanno tempo fino alle ore 15:00 del 25 gennaio 2018. Entro questa deadline, studenti e insegnanti dovranno compilare il form on line presente nell'area dedicata a "Protocolli in Rete" sul sito del Miur (clicca qui per accedere direttamente). Nello specifico, le scuole interessate dovranno inserire il titolo del progetto da finanziare, una breve descrizione (2.000 caratteri al massimo), un video di presentazione (facoltativo) e un piano finanziario con il budget richiesto e spiegazione di come si intende investire la cifra.

Come funziona Fastweb4School

La selezione dei progetti idonei al finanziamento avverrà entro il 25 febbraio 2018 e si basa su criteri di: attinenza ai requisiti richiesti; contenuto didattico e di apprendimento di metodologie digitali; qualità e originalità dell'idea progettuale; numero dei soggetti coinvolti (es. docenti, studenti di più classi e scuole); ripetibilità o riutilizzabilità nel tempo, nella stessa scuola o in altre. I progetti scelti saranno poi caricati sulla piattaforma Fastweb4School.it (basata sulla piattaforma di crowdfunding di Produzioni dal Basso) e saranno così aperti alla raccolta fondi dal basso. A ogni istituto scolastico che raccoglierà con il crowdfunding il 50% del budget relativo all'iniziativa presentata, Fastweb erogherà il restante 50%, fino ad un massimo di 10.000 euro per progetto. Il finanziamento è a fondo perduto e la proprietà della realizzazione dell'idea rimarrà alla istituzione scolastica che l'ha proposta.

Fastweb, inoltre, offrirà alle scuole supporto su come caricare i lavori sulla piattaforma di crowdfunding, aiuterà le classi nel trasformare l'idea in un progetto realizzabile e nel comunicarlo al meglio sui social network e sulla stampa. A questo si affiancheranno giornate di formazione e webinar gratis dedicati alla sharing economy, alla realizzazione di campagne di raccolte fondi online, allo sviluppo di competenze digitali critiche, anche in partnership con istituzioni e università.