Menu

Area Clienti

FASTWEB S.p.A.

Facebook, presto un bottone "Non mi piace" per i commenti

Una sorta di tasto "non mi piace" per i commenti presenti sulle pagine pubbliche
Social

Facebook sta cercando un modo per incentivare le interazioni tra gli utenti e sta pensando di farlo permettendo di esprimere il giudizio negativo in caso di commenti inappropriati. Facebook sta testando un bottone di downvote su alcune pagine pubbliche. Ma ciò che Facebook fa con i segnali dei commenti scorretti potrebbe sollevare domande sulla censura e il suo ruolo di editore di notizie.

Un portavoce di Facebook ha detto che la motivazione dietro al pulsante downvote è quello di creare un modo veloce, per gli utenti, per segnalare un commento inappropriato, falso o pretenzioso.

Ecco la dichiarazione fornita da Facebook: "Non stiamo testando un pulsante 'antipatia'. Stiamo esplorando una funzione per le persone che forniscono un feedback sui commenti ai post delle pagine pubbliche. Al momento, questo test riguarda solo un numero ristretto di persone negli Stati Uniti".

Quando si clicca, il pulsante nasconde il commento e offre opzioni di annotazioni aggiuntive come "Offensivo", "Ingannevole" e "Off Topic". Queste segnalazione potrebbe roaiutare Facebook a capire se il commento è discutibile, una forma di fake news o semplicemente irrilevante. Facebook ha già il pulsante "Nascondi" per i commenti ma di solito è nascosto nel menù a discesa in alto a destra.

Secondo Facebook, questo breve test non influisce sulla classificazione del commento, del post o della pagina; è progettato come un modo per dare feedback a Facebook, non al commentatore, e non ci sarà alcun conto, pubblicamente visibile, di quanti voti negativi un commento possa ottenere. Il test è già attivo per il 5% degli utenti Android negli Stati Uniti con lingua inglese. Il pulsante downvote viene visualizzato solo sui post della pagina pubblica, non su quelli di gruppi o personaggi pubblici o utenti. Al momento non esiste un piano di sviluppo.

Non è un pulsante antipatia! Il pulsante "dislike" è stato a lungo richiesto dagli utenti ma Facebook non ha mai ceduto.

Già nel 2015, l'AD Mark Zuckerberg rispondeva a diverse domande a riguardo, dicendo: "Non vogliamo creare il pulsante Dislike semplicemente perché non vogliamo trasformare Facebook in un forum in cui le persone votano i post delle persone; non è il tipo di comunità che vogliamo creare".

Invece Facebook ha creato le reactions che consentono di rispondere a post e commenti. Facebook ha anche creato le reactions su Messenger, con l'opzione di dare ai messaggi un pollice in su o uno in giù, in modo dimostrare l'intesa o il disaccordo.

Il pulsante downvote rientra perfettamente nella recente spinta di Facebook di migliorare l'esperienza utente dando priorità ai contenuti che portano a interazioni piuttosto che a una navigazione passiva. Ciò ha portato Facebook a mostrare meno video virali, che a sua volta ha contribuito a una diminuzione di 700.000 utenti tra Stati Uniti e Canada, il suo primo declino.

Questa nuova funzione però potrebbe generare un'interazione più significativa senza perdere tempo e facendo trovare in cima i commenti più interessanti e comunque, Facebook già classifica i commenti in questo modo. Tuttavia, questo aprirà solo a nuovi dibattiti sulla censura e su ciò che è ritenuto inappropriato o no.

9 febbraio 2018

©2018 FASTWEB S.p.A. Tutti i diritti riservati - P.IVA 12878470157 Versione classica di Fastweb.it