Menu

Area Clienti

FASTWEB S.p.A.

Come aumentare la durata della batteria del MacBook

La batteria del MacBook ha un'autonomia di circa 6-7 ore, ma grazie ad alcuni trucchi e consigli è possibile farla durare un po' di più. Ecco come
Smartphone & Gadget

La durata della batteria dei computer portatili assicurata dalle aziende difficilmente combacia con quella reale. Quando presentano un nuovo dispositivo, le società garantisco un'autonomia che a dalle 8 alle 12 ore, ma alla prova dei fatti si è fortunati se si riesce a utilizzare il notebook per sei ore consecutive. Questo vale anche per i MacBook, i computer portatili di casa Apple. Nonostante l'azienda di Cupertino assicuri un'autonomia elevata, difficilmente si riescono a superare le sei ore di lavoro senza dover ricaricare la batteria. Soprattutto se si utilizza il notebook per lavoro.

Cosa fare per aumentare la durata della batteria? Se si è fuori per lavoro o si è stufi di dover ricaricare il proprio MacBook ogni cinque ore, è possibile utilizzare dei trucchi e dei consigli che aumentano la durata della batteria. Si tratta di cose che nella maggior parte dei casi sono risapute, ma che molti utenti dimenticano di applicare quando utilizzano il proprio dispositivo. L'esempio più classico riguarda la luminosità dello schermo. Il display è uno degli elementi che consuma maggiormente la batteria del notebook e avere la luminosità sempre al massimo non fa altro che diminuire l'autonomia del PC. Impostarla a un livello basso a seconda delle proprie necessità, si rivela essere sempre la scelta migliore. Ecco alcuni trucchi e consigli per aumentare la durata della batteria del Mac.

Diminuire la luminosità

 

È lui il colpevole principale della scarsa autonomia del tuo MacBook Pro. Parliamo del Retina Display presente su tutti i notebook dell'azienda di Cupertino. Si tratta di schermi tra i migliori presenti sul mercato, ma allo stesso tempo chiedono molto sotto il punto di vista della batteria. Soprattutto se la luminosità è impostata al 100%. Per aumentare la durata della batteria, vi suggeriamo di impostare il livello di luminosità tra il 20% e il 30%: il display sarà ancora visibile e guadagneremo almeno un'ora di autonomia. Per cambiare la luminosità basta cliccare sull'icona dedicata al display presente nella home del computer portatile. Un trucco molto semplice ma che molte volte si dimentica di utilizzare.

Oltre alla luminosità dello schermo, vi suggeriamo di diminuire anche quella della tastiera. I notebook Apple hanno la tastiera retroilluminata e per quanto poco possa incidere sull'autonomia del computer, spegnere la retroilluminazione quando non se ne ha bisogno, permette di avere qualche minuto in più di batteria.

Disattivare impostazioni inutili

Di default sui MacBook sono attivi dei servizi che difficilmente si utilizzano, ma che consumano molta energia. Stiamo parlando dei servizi di localizzazione (il GPS per intenderci) e il bluetooth. Se vogliamo aiutare la batteria del portatile a vivere un po' di più, è consigliabile disattivarli.

Per quanto riguarda la geolocalizzazione sarà necessario entrare all'interno delle Preferenze di Sistema e accedere alla sezione Sicurezza e Privacy. A questo punto il computer vi chiederà la password del vostro account e dopo aver effettuato l'autenticazione potrete accedere ai servizi di localizzazione e disabilitarli. Dovete sapere, però, che disattivando il GPS non potrete più utilizzare "Trova il mio Mac" la funzionalità che permette di ritrovare il computer dopo averlo perso o dopo che ve lo hanno rubato.

Disattivare il Bluetooth è più semplice: basta entrare nelle Preferenze di Sistema, cliccare su Bluetooth e spegnerlo.

Disattivare le notifiche

Un altro fattore che fa diminuire velocemente la batteria del proprio MacBook sono le notifiche. Come accade sullo smartphone, anche sul PC è possibile ricevere le notifiche di sistema che ti avvertono sulle funzioni attive o che permettono di accedere velocemente ad alcuni programmi. Il nostro consiglio è di disattivare le notifiche inutili e che non migliorano l'utilizzo del MacBook. Per farlo, bisogna entrare nelle Preferenze di Sistema e cliccare su Notifiche. Si aprirà una lista con tutte le notifiche presenti sul PC e dovremo disabilitare manualmente quelle che si ritengono inutili.

Utilizzare Safari

 

Safari è ottimizzato per i dispositivi Apple e rispetto a Chrome consuma molta meno energia. Se siete abituati a utilizzare il browser dell'azienda di Mountain View, dovrete fare uno sforzo e cominciare a utilizzare Safari. Il browser di Apple permette di aumentare l'autonomia di qualche ora, soprattutto se utilizziamo il MacBook per lavoro e non possiamo fare a meno di Internet. Un trucco non così scontato, ma che da i suoi frutti.

Effettuare l'aggiornamento a High Sierra

 

Se il vostro MacBook supporta l'aggiornamento a High Sierra, non esitate a farlo. Nella versione precedente del sistema operativo di Apple (Sierra) c'era un bug che riguardava l'indicatore della batteria: la carica rimanente che veniva mostrata, non combaciava con quella reale e l'utente poteva trovarsi di punto in bianco con il computer spento. Questo piccolo problema è stato risolto con High Sierra e sono stati fatti anche dei piccoli passi in avanti che hanno permesso di migliorare l'ottimizzazione tra parte hardware e software.

Chiudere i programmi che non si utilizzano

Se si sta utilizzando il computer per lavoro, è inutile tenere aperti programmi che non si utilizzano. Per questo vi consigliamo di controllare le applicazioni aperte in background appena si accende il PC. Se vediamo che ci sono dei programmi inutili, è preferibile chiuderli e vedrete che la batteria del MacBook durerà un po' di più.

 

9 febbraio 2018

Copyright © CULTUR-E
©2018 FASTWEB S.p.A. Tutti i diritti riservati - P.IVA 12878470157 Versione classica di Fastweb.it